Rai, Luca Zingaretti in una nuova fiction su Olivetti

Venerd├Č 18 Ottobre 2013
La nuova fiction della Rai su Olivetti
LA MINISERIE La Rai punta su fiction d’alto profilo per ridare positivitÓ al Paese e lo fa portando sul video una delle figure imprenditoriali e politiche pi¨ importanti del Novecento. E’ fissato, infatti, per il 28 e 29 ottobre su Rai 1 il debutto in prima serata di Adriano Olivetti, la forza di un sogno la mini serie diretta da Michele Soave e coprodotta da Rai e Casanova Multimedia con la collaborazione di Telecom Italia, Pirelli e con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte e della Fondazione Olivetti. A dare il volto all’imprenditore illuminato di Ivrea l’attore romano Luca Zingaretti, che interpreta alla perfezione l’uomo che costru├Č il primo calcolatore elettronico al mondo.



L’ingegner Olivetti diede vita ad una visione d’azienda, gi├á moderna al suo tempo, che parlava di partecipazione alla vita di fabbrica, di finalit├á materiali e morali del lavoro, d’impresa che crede nell’uomo e nelle sue possibilit├á di riscatto e di elevazione. Il film si apre nel 1960 con una Olivetti gi├á sulla cresta dell’onda e con la morte del suo creatore sul treno per Losanna. Da l├Č un flash back che lo riporta bambino, alla sua prima volta in fabbrica, fino alla vera e propria consacrazione di leader della Olivetti con l’ideazione della macchina da scrivere Lettera 22.



IL CAST Con Zingaretti un cast d’eccezione come Stefania Rocca nel ruolo della spia americana Karen Bates che Adriano salv├▓ dai nazisti e che poi rincontrer├á ignorandone il compito di agente inviata dalla Cia per spiarlo, Massimo Poggio nel ruolo di Mauro Barale, l’amico di sempre che poi lo tradir├á passando alla concorrenza e Francesco Pannofino alias l’industriale Dalmasso, suo acerrimo nemico.



Non manca nella serie la parte sentimentale con la partecipazione di Francesca Cavallin e Elena Radonicich che sono rispettivamente Paola e Grazia le donne pi├╣ importanti della sua vita. Una figura complessa, geniale e all’avanguardia, un antesignano di Steve Jobs, che amava le arti e credeva nella libert├á e nella bellezza come fonti di felicit├á e promuoveva la fabbrica come un modello e uno stile di vita. ┬źConoscevo Olivetti solo come l’industriale dei computer e delle macchine da scrivere.



Portando il suo personaggio in scena, mi sono reso conto di quanto la sua visione fosse straordinaria, pensando alla fabbrica non solo dal punto di vista della produzione ma anche da quello della comunit├á sociale┬╗, ha raccontato Luca Zingaretti ┬źin questi anni bui, dove il lavoro ├Ę un lusso, spero nel mio piccolo di aver lanciato un messaggio di speranza┬╗.



┬źUno dei meriti di Adriano Olivetti ├Ę stato sicuramente l’aver stravolto il rapporto tra imprenditore e operaio┬╗, ha spiegato Eleonora Andreatta, ┬źnon era suo amico, non faceva intendere di essere tutti nella stessa barca ma piuttosto era bene consapevole di essere un dirigente cosciente delle proprie responsabilit├á e determinato a farvi fronte. In questo difficile momento storico pensiamo che riportare sugli schermi una genialit├á di tale portata e farlo conoscere anche ai nostri giovani sia un nuovo punto di partenza per un futuro migliore┬╗.
Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre, 18:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma