Piero Pelù, il post su Fb crea il caso: «L'Isis? Il prodotto dell'arroganza occidentale»

Lunedì 16 Febbraio 2015

L'Isis è il prodotto «dell'arroganza colonialista occidentale». Quello apparso sul profilo Facebook di Piero Pelù, uno dei cantanti rock più famosi d'Italia, sembra nei toni un proclama politico d'altri tempi. Ma, aspetti folkloristici a parte, il post che il leader dei Litfiba ha pubblicato sul suo profilo ha finito per suscitare un dibattito molto accanito in Rete.

Non fosse altro per la foto, decisamente di cattivo gusto, che Pelù ha allegato al suo messaggio, che ritrae due mani sporche di sangue che si stringono, una con la bandiera americana, l'altra con quella di Israele. Sotto, una cartina geografica della Palestina e foto di bambini morti.

«IO NON CI CREDO che la CIA, il MOSSAD (servizi segreti israeliani) ed i servizi segreti di tutto il mondo occidentale non sapessero nulla della nascita dell'ISIS», scrive Pelù, «io non ci credo che non sappiano come debellarlo in una settimana senza far scoppiare l'ennesima Terza guerra mondiale, io non ci credo che non si sappia come interrompere i fiumi di miliardi di dollari che alimentano questa nuova jihad, io non ci credo ai governi occidentali».

Poi, la conclusione: «Io credo che l'ISIS sia l'immagine riflessa amplificata e distorta dell'arroganza colonialista occidentale reiterata per secoli e sempre peggiore. Io non ci sto che il mio destino sia in mano ad un esercito di aguzzini guerrafondai assetati di denaro e sangue».

Nel giro di pochi minuti è arrivata una sfilza di commenti: c'è chi accusa il rocker di complottismo, chi invece sostiene che sia l'unico a dire la verità. Quel che non è chiaro però è quale dovrebbe essere, in una circostanza simile, in cui l'Europa e l'America rivivono il dramma della minaccia terroristica, la reazione di un cittadino occidentale che "non ci sta". Questo, il post di Piero non lo spiega.

E forse fa bene uno degli utenti, che nel rispondere sdrammatizza: «Io pure te dico la verità, non ce credo che la Fiorentina ha vinto 2 a 0 doppietta de Gomez, a Roma». Lo stesso Pelù, divertito, commenta: «Puah ah ah credici credici fratè!». Peccato solo che su certe cose ci sia ben poco da ridere.

Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio, 19:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma