ROMA

Tor Sapienza, scoppia di nuovo la rivolta anti-immigrati: scontri e cariche, almeno 15 feriti

Mercoledì 12 Novembre 2014 di Marco De Risi

Una polveriera. Ancora scontri fra i residenti di Tor Sapienza e le forze dell’ordine legati al centro di accoglienza per rifugiati politici in via di Giorgio Morandi. Verso le 22.30 almeno duecento abitanti sono tornati in strada: lo stesso copione di ieri sera ma questa volta i toni sono stati ancora più accesi e violenti. La protesta e i disordini, dopo cariche della polizia, sono terminati poco prima della mezzanotte.

Sul posto si sono recati reparti della Celere che hanno cercato di contenere i manifestanti. Sono stati dati alle fiamme auto e cassonetti. Si è registrata una fitta sassaiola anche nei confronti degli agenti. Intanto si contano i feriti: da una prima stima una decina fra i poliziotti ma anche qualche manifestante è rimasto ferito. Un sasso ha anche colpito un cineoperatore. Un agente ha riportato la frattura di un braccio ed è stato portato da un'ambulanza al policlinico Casilino.

Al centro della protesta c'è il centro di accoglienza per rifugiati politici che occupa alcuni appartamenti dei palazzoni di via Giorgio Morandi. Una convivenza con i residenti che da tempo si è rivelata fragile e problematica. «Qui non c’è legalità - gridano i manifestanti -. Vogliamo le forze dell’ordine e deve essere spostato il centro di accoglienza». A destare le maggiori proteste è quella parte del centro destinato a persone che sono staccate dalla famiglia. «Qui arriva di tutto - si sfogano i residenti -. Nel centro ci sono anche i delinquenti. Sono aumentate le rapine e i furti».

Tre sere fa si sarebbe addirittura verificata una tentata violenza sessuale ma la notizia è ancora da accertare. Ma queste voci hanno fatto montare la protesta. Fra i manifestanti si è infiltrato qualche facinoroso che ha agito a volto coperto. La polizia ha sequestrato alcuni sampietrini. Sul posto anche la polizia scientifica.

Ultimo aggiornamento: 15:14

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma