Teatro dell'Opera, Fuortes: «Possibile il ritiro del licenziamento collettivo»

Carlo Fuortes
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Novembre 2014, 16:24 - Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 16:12

«Se si trovano le soluzioni economiche ovviamente è possibile ritirare i licenziamenti». Così il sovrintendente del Teatro dell'Opera, Carlo Fuortes, uscendo dal Costanzi dopo l'incontro con i sindacati, in merito ai 182 licenziamenti di orchestra e coro del teatro, decisi dal Cda lo scorso giovedì. «Ma è così dal primo giorno - sottolinea - la procedura serve esattamente a questo: se il tavolo sindacale risolve tutti i problemi in un altro modo, e il Cda accetta, non ci saranno più i licenziamenti».

I sindacati. «In cambio di un accordo condiviso per ridisegnare il contratto integrativo, il sovrintendente Carlo Fuortes proporrà al Cda del Teatro dell'Opera di ritirare il licenziamento collettivo di orchestra e coro, secondo fonti sindacali. È l'esito dell'incontro aggiornato a martedì prossimo, all'indomani della manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori di tutti gli Enti lirici e sinfonici italiani. «Siamo contrari alla politica dei due tempi, per cui prima si taglia e poi si vede - ha detto Alberto Manzini di Slc Cgil - Siamo d'accordo a rivedere il contratto integrativo e contestualmente a trattare sulle linee del nuovo modello produttivo del Teatro. Non ci arrendiamo a vedere una diminuzione dell'organico».

È andato «molto bene», secondo il sovrintendente del Teatro dell'Opera, Carlo Fuortes, l'incontro di stamattina al Costanzi con i sindacati sui licenziamenti dei 182 lavoratori di orchestra e coro decisi dal Cda lo scorso 2 ottobre. «Si sta lavorando al tavolo, com'è giusto che sia - ha precisato poi Fuortes - Ho visto una grande disponibilità da parte di tutti a trovare delle soluzioni che abbiamo posto in Consiglio. Sono molto fiducioso». A chi gli chiedeva se i sindacati avessero presentato una proposta alternativa come chiesto dal Cda, il sovrintendente ha risposto: «Ancora non c'è stata».

Il segretario generale della Fistel Cisl di Roma e del Lazio, Paolo Terrinoni, ha tuttavia lanciato una proposta: «Siamo disponibili a ragionare sul congelamento del premio di produzione per tutto il 2015, che poi a fine anno, in caso di pareggio di

bilancio, verrà riconosciuto ai lavoratori.

Siamo pronti a discutere anche sugli istituti salariali variabili, ma il fisso non si tocca. Inoltre - ha sottolineato - dobbiamo costruire un percorso di aumento della produttività». Per il sindacalista, comunque, «a pagare non devono essere solo coro e orchestra». La Cisl, ha precisato, «è pronta a fare un protocollo di relazioni sindacali per regolare istituti come assemblee e scioperi, perché non siamo più disponibili a scioperi selvaggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA