ROMA

Roma, fa l'elemosina a una ragazza ma viene seguito in casa, picchiato e derubato

Martedì 9 Giugno 2015
28
​Ieri mattina un uomo, nei pressi della stazione Trastevere, ha incontrato una ragazza che chiedeva l'elemosina e le ha donato qualche euro offrendole la colazione al bar. A quel punto l'uomo si è allontanato. Salito nel suo appartamento, in zona San Paolo, ha sentito suonare il campanello e pensando che fosse la sua compagna ha aperto la porta. Improvvisamente si è visto aggredire da un uomo che lo ha minacciato puntandogli un paio di forbici alla gola e da due donne, una delle quali era la ragazza appena incontrata al bar.



I tre così hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni per farsi consegnare denaro e oggetti preziosi. Non contenti hanno preteso la consegna di altri valori e la vittima non sapendo più cosa fare gli ha raccontato che doveva riavere dei soldi da un commerciante lì vicino e che potevano andare a prenderli a suo nome. Usciti i tre dall'appartamento, l'uomo ha telefonato al 113. Gli agenti del Reparto Volanti e del Commissariato San Paolo, intervenuti sul posto, hanno bloccato i rapinatori.



Saliti nell'abitazione della vittima, che aveva ecchimosi e tagli su volto e braccia, hanno notato che era tutto a soqquadro. Una delle donne ha cercato di difendersi dicendo che l'uomo la stava molestando, ma i poliziotti, mentre accompagnavano i fermati negli uffici del Commissariato, hanno trovato due paia di forbici utilizzate per minacciare l'uomo e delle buste con all'interno vestiario e oggetti riconosciuti dalla vittima. I tre, tutti italiani, sono stati arrestati per rapina aggravata in concorso.
Ultimo aggiornamento: 14:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani