I residenti di Tor Sapienza: «Non siamo razzisti, solo stanchi»

«Non siamo razzisti, solo stanchi». È il cartello con cui un gruppo di residenti di Tor Sapienza, davanti al centro di accoglienza di viale Giorgio Morandi, risponde alle polemiche per gli scontri dei giorni scorsi durante le proteste contro la presenza degli immigrati ospiti della struttura.

«Il vero criminale è lo Stato che ci abbandona» recita un altro. «Non protestiamo per i clandestini, ma per tutti i giovani senza lavoro, per gli studenti, non siamo razzisti», grida Marina, una delle cittadine, rivolta a giornalisti, fotografi e cameramen. E aggiunge: «Saremo in corteo sabato, sì, perché la guerra non finisce qui. Abbiamo avuto il coraggio di scendere in piazza, per rompere il sistema, non per gli immigrati, ma per i politici che mangiano. Che ci facciamo noi con gli 80 euro in busta paga di Renzi?». Oltre un centinaio le persone davanti al centro, presidiato da blindati e agenti delle Forze dell'ordine.
Giovedì 13 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 18:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP