Camera, rapina in banca da 15mila euro
Un arresto: lavora a Montecitorio
Preso alle poste mentre versava bottino

Martedì 5 Agosto 2014

Clamorosa rapina stamani nella filiale del Banco di Napoli a Palazzo San Macuto, a Roma. Un rapinatore è entrato intorno alle 9.20 nella filiale della banca nel palazzo che ospita, tra l'altro, le commissioni bicamerali d'inchiesta del Parlamento, si è fatto consegnare del denaro dalla cassiera, poche migliaia di euro, ed è scappato da un ingresso secondario del complesso.

Il rapinatore doveva necessariamente essere esperto dei luoghi: per raggiungere, dopo il "colpo", l'uscita secondaria del palazzo in via del Seminario, da cui si è poi dileguato per i vicoli del centro storico di Roma, ha dovuto fare un lungo giro per i corridoi del palazzo, salendo e scendendo dal quinto piano. Un percorso che anche diversi assistenti parlamentari non conoscono.

L'uomo sarebbe entrato nella piccola sede della banca con il volto travisato da un passamontagna. Il "colpo" era oggettivamente difficile: gli ingressi di San Macuto, come tutti quelli degli altri palazzi della Camera dei deputati, sono presidiati dagli assistenti parlamentari che sottopongono chiunque entra a rigidi controlli di sicurezza. Peraltro, per entrare nelle sedi della Camera bisogna essere accreditati.

Il portone principale di Palazzo San Macuto è stato sbarrato e sono state avviate indagini e rilievi da parte dell'Ispettorato generale della polizia di Stato a Montecitorio.

Ammonterebbe a 15mila euro il bottino. È quanto emerge dai primi rilievi. Il rapinatore, armato di taglierino e con il volto coperto da una maschera, ha minacciato la cassiera facendosi consegnare il denaro. Nella fuga si sarebbe tolto la maschera per non dare nell'occhio.

Preso il bandito. A quanto apprende l'Adnkronos, il rapinatore è stato arrestato poco dopo il colpo. L'uomo lavora per Milano '90, una società che a sua volta lavora per la Camera. Aveva un coltello e il volto travisato.

Gli uomini dell'ispettorato di Polizia della Camera hanno arrestato il rapinatore di San Macuto nei locali dell'ufficio postale di Montesacro a Roma. L'uomo aveva già depositato parte del bottino.

Quando è stato fermato nei locali dell'ufficio postale il rapinatore di San Macuto, 38 anni, sposato, due figli, aveva appena fatto un bonifico di circa 4 mila euro alla moglie. Secondo le prime informazioni l'uomo avrebbe seri problemi economici.

Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 14:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

E i topi brindano ai 100 giorni senza assessore all’ambiente

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma