Chiede il certificato di malattia retrodatato
La vigilessa incastrata dal medico

Domenica 4 Gennaio 2015 di Camilla Mozzetti
Non ha aspettato neanche le nove del mattino per alzare il telefono dalla sua scrivania e pretendere dal medico curante un certificato retroattivo che giustificasse l'assenza dal turno il giorno di Capodanno. A comporre il numero di telefono di uno studio medico di Roma Nord, venerdì scorso, una delle vigilesse della polizia locale di Roma Capitale che, la notte di San Silvestro, ha saltato il turno di servizio all'ultimo istante. Costretta, così si è giustificata, ad assistere un parente malato, la donna non ha potuto onorare il suo turno e così ha pensato di aggrapparsi alla scialuppa di salvataggio: il camice bianco. Tuttavia, l'agente si è imbattuta nel sostituto del medico di famiglia, fuori città per le vacanze.

La giovane dottoressa, F. R., 29 anni, appena laureata in Medicina con il bisogno di fare esperienza e pronta a sacrificare le vacanze per migliorare la pratica in vista dell'esame per la scuola di specializzazione, ha risposto alla vigilessa che non era possibile farle avere il certificato. «Ha chiamato in ambulatorio - spiega il giovane medico - chiedendo appunto un certificato retroattivo per il 31 dicembre, le ho spiegato che non potevo rilasciarlo per legge a distanza di due giorni». Ma questo non è bastato all'agente della municipale, che ha insistito quasi ossessivamente. «Ha ripetuto più volte che aveva bisogno di quel foglio e solo dopo molti no, ha desistito senza più richiamare».

I SANITARI

Un caso reale e tangibile, che dimostra come almeno uno degli 767 vigili di Roma (sui 904 previsti di turno) assenti dal lavoro la notte di Capodanno, abbia cercato di fare il furbo appellandosi ai medici di famiglia. La riflessione inevitabile, che si ripete anche quella giovane dottoressa alle prese con le sostituzioni, è, infatti, banale: un parente ammalato e bisognoso d'assistenza, non esce fuori dal cilindro a 48 ore dal Capodanno. «Io stesso - spiega Pierluigi Bartoletti, presidente della Federazione italiana medici di medicina generale del Lazio - ho certificato la malattia di una vigilessa il giorno di Capodanno, ma la paziente aveva un'epicondilite, con un gomito completamente gonfio e quindi era tangibile l'impossibilità per la donna di andare a lavoro».

Per tutti quei casi, invece, in cui i certificati medici hanno riguardato piccole influenze, febbri, raffreddori, gastroenteriti, il medico ha le mani legate. «Se un paziente viene in ambulatorio e chiede un certificato perché la notte prima aveva la febbre e vorrebbe restare a casa per riguardarsi - prosegue - noi non possiamo escludere la buona fede del paziente perché se ci rifiutiamo e quest'ultimo va a lavoro ma dopo qualche giorno viene ricoverato per una polmonite, rischiamo la denuncia». In sostanza, i medici accusati di aver dato manforte alla protesta dei vigili, sono senza difese. Tutto si basa su un rapporto fiduciario tra medico e paziente: dimostrare che il secondo abbia fatto il furbo, non significa automaticamente che il professionista sia stato complice.



LA PROPOSTA

Per questo la federazione italiana dei medici di medicina generale, che nel Lazio raccoglie 5mila professionisti - di cui 2.500 solo nella Capitale - per voce di Bartoletti, lancia una proposta al Campidoglio e anche al Parlamento: permettere l'autocertificazione per le assenze dal lavoro di un giorno e lasciare i certificati medici per le assenze superiori ai tre. In questo modo si responsabilizzerebbe il paziente, che dovrà personalmente fare i conti con l'azienda che l'ha assunto, qualora le autocertificazioni, nell'arco di un anno, siano numericamente sospette. Mentre «a noi medici - conclude il presidente della Fimmg Lazio - viene dato uno strumento utile che, sommato alla visite fiscali, potrebbe combattere l'assenteismo senza gettare discredito sulla categoria».



Ultimo aggiornamento: 15:31

LE VOCI DEL MESSAGGERO

E i topi brindano ai 100 giorni senza assessore all’ambiente

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma