Asili nido, la gaffe del VIII municipio:
sul sito il terzo figlio è gratis.
Caos tra le famiglie: «A chi credere?»

Mercoledì 10 Settembre 2014 di Veronica Cursi

Se siete genitori alle prese con l'iscrizione dei vostri figli agli asili nido comunali, un'avvertenza: attenti a quello che leggete sul sito del Comune di Roma.

Soprattutto se abitate dalle parti dell'Ostiense, della Garbatella o a Tor Marancia. Sì perché se vivete all'VIII Municipio (ex XI) e andate a consultare la sezione "Scuole e asili nido" vi troverete di fronte a un'informazione che potrebbe mandarvi letteralmente in confusione.

Nella parte relativa all'Ufficio asili nido, al paragrafo "quanto costa" c'è scritto che «le famiglie con almeno tre figli minori sono esenti dal pagamento della quota contributiva dal terzo figlio in poi». Ma come?

Secondo la nuova delibera comunale relativa alle tariffe degli asili nido di Roma, la gratuità per il terzo figlio non esiste in più. E infatti, sempre sullo stesso sito, (www.comune.roma.it), se si va nella sezione del Dipartimento servizi educativi e scolastici, alla parte relativa alle "Tariffe per l'accesso agli asili nido" è scritto chiaramente: «A partire dal terzo figlio frequentante il nido, esenzione per i nuclei familiari con ISEE inferiore ad Euro 10.000,00 e riduzione del 30% sul totale delle quote dovute per i nuclei familiari con ISEE superiore ad Euro 10.000,00». E allora, «a chi credere?», si domandano i tanti genitori incappati in questa gaffe. Provabilmente il sito dell'VIII municipio non è stato aggiornato rispetto allo scorso anno e contiene informazioni ancora vecchie.

«E' assurdo - denuncia l'ex assessore comunale alla scuola Gigi De Palo - le famiglie in questi giorni sono alle prese con l'inizio dell'asilo nido per i loro bimbi e il Comune che fa? Non è nemmeno in grado di fornire una comunicazione corretta. «Solamente due giorni fa l'assessore Cattoi ai microfoni affermava che il Comune di Roma aveva ampiamente comunicato alle famiglie l'aumento delle tariffe e la fine dell'esenzione dal pagamento del terzo figlio negli asili di Roma.

Eppure quest'oggi numerose famiglie hanno chiamato segnalandoci non solo che nessuno gli ha ancora comunicato nulla, ma anche che sul sito del Comune di Roma viene confermata la gratuità per il terzo figlio. A chi dobbiamo credere? All'assessore Cattoi o al sito Istituzionale del Comune?».

«Visto che l'attuale assessore latita nelle comunicazioni - prosegue la nota - invito tutte le famiglie che stanno scoprendo improvvisamente in queste ore l'aumento delle tariffe dell'asilo o, nel caso del terzo figlio, che non esiste più l'esenzione totale, a non rinunciare al posto al nido che hanno confermato nei mesi scorsi».

«Non amo fare polemiche, ma credo che alla luce di un caos simile dove le famiglie non riescono ad avere una comunicazione chiara ed esauriente, l'assessore Cattoi dovrebbe chiedere scusa alle famiglie romane e considerare seriamente la possibilità di presentare le proprie dimissioni», conclude De Palo.

Pronta la risposta dell'VIII municipio: «Abbiamo già provveduto a modificare il contenuto di quella pagina che riportava la data del 24 aprile 2014 e non era ancora stata aggiornata - spiegano - Per avere tutte le informazioni necessarie invitiamo le famiglie a visitare la nostra home page dove invece sono indicate in maniera chiara le nuove tariffe relative agli asili nido».

Ultimo aggiornamento: 17:15

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tremolina malata e contesa: scatta la gara di solidarietà

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma