Rieti, lo Stabat Mater di Pergolesi
al teatro Flavio Vespasiano
Appuntamento del Reate Festival

Mercoledì 23 Settembre 2015
Damiana Mizzi
RIETI - Questa sera alle 21, al teatro Flavio Vespasiano, per il Reate Festival, va in scena lo Stabat Mater di Pergolesi.

Sul palco, Europa Galante, il direttore e violinista Fabio Biondi e il soprano Damiana Mizzi e il contralto Adriana Di Paola. Dopo l’opera, la musica vocale e strumentale sacra e profana. Un’alternanza e una varietà di registri espressivi con Europa Galante e Fabio Biondi. Dopo la brillantezza di Cenerentola, si entra nella vocalità espressiva dello Stabat Mater di Pergolesi, una delle composizioni di musica sacra più amate ed eseguite di tutti i tempi. Le due voci femminili solistiche saranno quelle di due giovani cantanti emergenti, già più volte presenti nelle edizioni precedenti del Reate Festival. Adriana Di Paola e Damiana Mizzi, entrambe perfezionatesi con Renata Scotto, all’Opera Studio dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e ormai scritturate in importanti stagioni operistiche. Dopo aver ricoperto i ruoli di Tisbe e Clorinda in Cenerentola si immedesimeranno da protagoniste nel testo dello Stabat Mater del frate francescano Jacopone da Todi. Un testo che ha ispirato innumerevoli compositori dal Cinquecento fino ai nostri giorni. Nel 1735 fu la confraternita napoletana dei Cavalieri della Vergine dei Dolori di San Luigi al Palazzo a commissionare al giovane Pergolesi uno Stabat, ultimato solo pochi mesi prima della sua morte prematura, a soli ventisei anni. Talmente grande fu il successo e la notorietà della composizione, che anche Johann Sebastian Bach utilizzò la musica di Pergolesi nella sua cantata Tilge, Höchster, meine Sünden. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Mi metti il codice?». Quel sottile piacere di bloccare tutte le app

di Raffaella Troili