Roma, papa Luciani presto beato, anche Ratzinger ha testimoniato a favore ma mancano i miracoli

Roma, papa Luciani presto beato, anche Ratzinger ha testimoniato a favore ma mancano i miracoli
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Agosto 2015, 16:11 - Ultimo aggiornamento: 29 Agosto, 09:30

Città del Vaticano L’annuncio è stato fatto in provincia di Belluno, in una valle verdissima, incastonata tra i monti. Papa Luciani, il Papa che governò la Chiesa per soli 33 giorni, diventerà beato molto presto. “E’ con gioia che posso dire che si è avviato a conclusione il riconoscimento da parte della Chiesa della santità di un nostro concittadino e diocesano, Giovanni Paolo I”.A parlare è stato il vescovo di Belluno, Giuseppe Andrich che ieri pomeriggio ha celebrato una messa a Canale d’Agordo, il piccolo paesino che ha dato i natali al pontefice veneto, in occasione del 37esimo anniversario dell'elezione di Albino Luciani. Le sue parole sono rimbalzate via web, a testimonianza della popolarità di questo Papa che si colloca nell’immaginario popolare per il tratto umano con il quale si propose al mondo.

Il Papa del sorriso, il pastore della mano tesa, il pontefice conosciuto per la vicinanza al mondo operaio. Il sindaco di Canale d’Agordo, Rinaldo De Rocco, ricorda soprattutto il tratto misericordioso del suo carattere: “andava a trovare gli ammalati, ad aiutare i poveri, portava un saluto di conforto agli operai. È stato un precursore di Francesco”. L’iter per la beatificazione ormai si può dire concluso.

Tra le carte a favore anche una testimonianza scritta di pugno di Benedetto XVI, un atto eccezionale e unico. «Quando la positio era già conclusa» ha aggiunto Andrich, «anche il papa emerito Benedetto XVI ha voluto inserire una sua testimonianza personale. È la prima volta che questo accade nella storia della Chiesa. Il Papa non dà testimonianza sui futuri santi perché deve valutare e giudicare e decidere sulla eroicità delle virtù, sulla beatificazione e poi eventualmente canonizzazione. Con il Servo di Dio Giovanni Paolo I c'è questo evento eccezionale».

Tuttavia, ora, si tratta di aspettare un miracolo. Già perché al momento tutte le guarigioni scientificamente inspiegabili verificatesi in questi anni, non sono passate al vaglio della commissione medica. Occorre, dunque, prenderne in esame altre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA