Franceschini: «Il governo vuole il doppio turno
con il Mattarellum per sempre larghe intese»

Venerdì 6 Dicembre 2013 di Carlo Fusi
​Due disegni di legge. Il primo, di modifica costituzionale, per introdurre il monocameralismo e la riduzione dei parlamentari. Il secondo per introdurre una nuova legge elettorale, bipolare, maggioritaria, a doppio turno: di collegio o di coalizione si vedr. Ecco la road map sulle riforme che Dario Franceschini propone per il passaggio parlamentare di mercoledì prossimo, primo voto di fiducia della nuova maggioranza che scarica Berlusconi e imbarca Renzi: «Dopo la sentenza della Corte - dice - i tempi sono obbligati».



Ecco, appunto ministro: la Consulta. E’ vero che per voi ”governativi” è un aiutino niente male, che allontana lo spettro di elezioni anticipate?

«Sono interpretazioni di puro stampo dietrologico. Non c’è alcun legame tra la decisione della Corte ed il governo che va avanti - come prevede la Costituzione - finché ha la fiducia del Parlamento».



CONTINUA A LEGGERE

SUL MESSAGGERO IN EDICOLA

O SU MESSAGGERO DIGITAL Ultimo aggiornamento: 08:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma