MATTEO SALVINI

Grillo, provocazione sul blog: «E se l'Italia si dividesse?». La Lega esulta: lavoriamo insieme

Sabato 8 Marzo 2014
81
Beppe Grillo
«E se domani» l'Italia si dividesse, «alla fine di questa storia, iniziata nel 1861, funestata dalla partecipazione a due guerre mondiali e a guerre coloniali di ogni tipo, dalla Libia all'Etiopia»? Così sul Blog di Grillo che definisce l'Italia «un'arlecchinata di popoli, di lingue, di tradizioni che non ha più alcuna ragione di stare insieme».



Quella iniziata nel 1861, scrive, è «una storia brutale, la cui memoria non ci porta a gonfiare il petto, ma ad abbassare la testa. Percorsa da atti terroristici inauditi per una democrazia assistiti premurosamente dai servizi deviati (?) dello Stato. Quale Stato? La parola Stato di fronte alla quale ci si alzava in piedi e si salutava la bandiera è diventata un ignobile raccoglitore di interessi privati gestito dalle maitresse dei partiti».



La Lega felice «Liberi e indipendenti, da Roma e da Bruxelles! Benvenuto Grillo, basta che non cambi idea come su euro e immigrazione: se dai una mano alla Lega non ci ferma nessuno. E magari comincia a sostenere il referendum per un Veneto Indipendente», così Matteo Salvini, segretario della Lega commenta le parole di Grillo. Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 09:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani