Londra choc, aggredito a martellate dal coinquilino cattolico perché è gay

Martedì 9 Settembre 2014 di Simone Pierini

Connor Huntley, 18 anni, dormiva serenamente nel suo letto. Il suo "difetto", almeno secondo il coinquilino cattolico, era la sua omosessualità. All'improvviso, l'aggressione choc con un martello.

Colpito alla testa da Joseph Williams, il ragazzo ha subuto una terribile frattura al cranio con conseguenze devastanti per il suo cervello. Da quel giorno infatti, oltre all'aspetto deforme del suo volto, il ragazzo soffre di continui attacchi di epilessia ed evidenti problemi di movimento.

L'aggressore è stato condannato a ben 14 anni di prigione. A pesare sulla sentenza oltre alle motivazioni omofobe, è stata la gravità del gesto che potevano portare alla morte di Connor. Al momento Williams è tenuto sotto stretta custodia presso una struttura ospedaliera per problemi mentali.

Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 13:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti