Isis, lapidata una coppia irachena: avevano fatto l'amore prima del matrimonio

Mercoledì 25 Marzo 2015 di Giacomo Perra
Ancora atrocità, ancora morte. Questa volta a venire stroncate sotto i colpi spietati dell’Isis sono state le vite di una coppia irachena.

I due fidanzati, un uomo e una donna “rei” di aver fatto sesso prima del matrimonio, una colpa per l’organizzazione terroristica di matrice musulmana, sono stati giustiziati col barbaro rito della lapidazione.



Il fatto è accaduto a Mosul, città-capoluogo del governatorato di Ninawa, dove il “Califfato” regna dettando le sue macabre leggi, e a raccontarlo è stato il quotidiano indipendente “al Quds al Arabi”. Secondo quanto riportato dal giornale, che ha raccolto le testimonianze di alcune persone presenti al momento dell’esecuzione, il massacro sarebbe avvenuto in via al Jumhuriyah, in pieno centro, e a perpetrarlo sarebbero stati senza dubbio alcuni miliziani dello “Stato Islamico”. Alla selvaggia uccisione, che ha punito con il lancio delle pietre un atto considerato immorale e prostitutivo, avrebbe assistito una folla numerosa, davanti ai cui occhi, come riferito sempre da “al Quds al Arabi”, le salme delle vittime sarebbero partite alla volta dell’ufficio di medicina legale dell'ospedale di Mosul.



In tutto questo orrore, l’unica nota positiva è la reazione di alcune giovani donne: un gruppo si sarebbe recato nella piazza principale della città in segno di lutto e di protesta. Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 15:45

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti