Iran, no di Israele all'accordo sul nucleare: si firmi solo se Teheran riconosce il nostro Paese

Venerdì 3 Aprile 2015
48

Israele dice no allo storico accordo sul nucleare raggiunto ieri a Losanna tra il 5+1 e Iran. Il Consiglio di difesa di Teheran ha respinto «in maniera compatta» l'intesa. È quanto si legge in un comunicato pubblicata al termine della riunione di tre ore convocata dal premier Benyamin Netanyahu.

«L'accordo non ferma un singolo impianto nucleare in Iran, non distrugge una sola centrifuga e non fermerà lo sviluppo e la ricerca sulle centrifughe avanzate», ha detto Netanyahu. «Al contrario - ha aggiunto - legittima l'illegale programma nucleare». L'intesa di Losanna - ha spiegato dopo aver detto che il Consiglio di sicurezza di Israele si è opposto in modo fermo all'accordo - «lascerà l'Iran con in piedi una vasta infrastruttura nucleare. Toglierà le sanzioni quasi immediatamente e questo nel momento stesso in cui l'Iran sta aumentando le sue aggressioni e il terrore nella regione ed oltre».

«In pochi anni - ha spiegato - l'accordo toglierà le sanzioni sul programma nucleare rendendo possibile all'Iran di avere un massiccia capacità di arricchimento che potrà essere usata per produrre molte bombe nucleari in una questione di mesi». «Un accordo simile - ha continuato - non blocca la strada iraniana alla bomba ma lastrica la via di Teheran alla bomba. E può molto facilmente scatenare una corsa alle armi nucleari nel Medio Oriente aumentando grandemente i rischi di una guerra terribile».

«Israele chiede che ogni accordo finale con l'Iran includa un chiaro e non ambiguo riconoscimento del diritto di Israele di esistere», ha aggiunto Netanyahu riportato dal suo portavoce Mark Regev in un tweet. «Voglio chiarire una cosa a tutti. La sopravvivenza di Israele non è negoziabile. Israele non accetta un accordo che consente ad un paese che vuole annientarci di sviluppare armi nucleari». Netanyahu, a questo proposito, ha ricordato che solo due giorni fa «nel mezzo dei negoziati di Losanna il comandante della forze di sicurezza Basij in Iran ha detto:'la distruzione di Israele non è negoziabilè»

Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma