Migranti, in Francia è caos: decine di migliaia a Calais per raggiungere l'Inghilterra. Tra scontri e feriti

Domenica 10 Agosto 2014 di Luca Lippera

Se tutta l'Europa vedesse quello che sta avvenendo a Calais, nel nord della Francia, ne avrebbe paura.

Decine di migliaia di immigrati clandestini che bivaccano da settimane nei boschi attorno alla cittadina portuale si stanno scontrando a ondate con la polizia perché vogliono raggiungere con ogni mezzo, ad ogni costo, a qualunque condizione, l'Inghilterra - la loro “Terra Promessa" - dall'altra parte della Manica.

Un tempo Calais, ultimo lembo del Vecchio Continente prima della Gran Bretagna, era semplicemente l'imbarco dei ferries. Oggi, tra abitanti atterriti, gruppi di disperati che si aggirano come zombie e poliziotti impotenti, è lo specchio di una situazione sfuggita di mano a tutti e un probabile “antipasto” del futuro.

Almeno tremila immigrati clandestini si sono stabiliti nelle foreste attorno a Calais. La maggior parte arrivano dal Sudan, dall'Afghanistan, dal Ciad, dalla Somalia, dal Pakistan e dall'Eritrea - tutti Paesi dove il radicalismo islamico è possente - e la polizia ha enormi difficoltà a fronteggiare la situazione. La cittadina è nel caos, gli abitanti sono esasperati. I camionisti che fanno la spola tra la Francia e il Regno Unito vengono sistematicamente presi d'assalto da persone che vogliono passare dall'altra parte. «Saltano su - ha raccontato un guidatore di Tir - vorrebbero nascondersi sotto i teloni, nei container, ovunque, e se li becchiamo offrono soldi: quattrocento, seicento, mille euro a testa per passare dall'altra parte. Qui è il caos». Centinaia di persone sono state riportate indietro mentre cercavano di fare la traversata lungo i binari dell'Eurotunnel, la ferrovia sottomarina che unisce le due sponde - francese e inglese - del continente.

Gli scontri con la polizia francese sono ormai quotidiani. Calais è una delle più povere citadine della Francia. I blindati della Gendarmerie che stazionano su Quai della Moselle, la strada principale, aggiungono “spettri” alla spettralità consolidata dei luoghi. Gli immigrati non riconoscono agli agenti alcun potere di controllarne il flusso. Quotidinamente si ripetono scene di gruppi di clandestini in fuga, assembramenti vicino al porto, auto con le sirene in azione che inseguono dozine di disperati più per disperderli che per altro. Negli ultimi disordini si sono contati circa cinquanta feriti,

La stampa britannica, portavoce di un'opinione pubblica sempre più sconvolta, sta seguendo spasmodicamente i disordini di Calais. L'Osservatorio per l'Immigrazione, basato a Oxford, stima che sul territorio inglese ci siano tra 400 mila e 860 mila clandestini. Ma le autorità non sanno dire quale tra le due cifre sia la più attendibile, segno che la situazione, anche in questo caso, è quantomeno magmatica. I musulmani nel Regno Unito sono ormai più di tre milioni e mezzo e giornalmente vengono denunciati episodi di estremismo, di fanatismo e di sopraffazione verso le donne. A Birmingham, un delle città chiave della Gran Bretagna, i cittadini di fede islamica sono più del 22 per cento e in alcuni quartieri centrali di Londra sono vicini al 40 per cento.

Così i giornali hanno spedito decine di inviati in Francia perché altre migliaia di immigrati minacciano di entrare in Inghilterra senza alcun permesso. Il sindaco di Calais, Philippe Mignonet, citato dal quotidiano Daily Telegraph, stima che almeno quaranta clandestini al giorni si incamminino (con rischi per tutti) nelle profondità dell'Eurotunnel. «David Cameron - ha detto il primo cittadino in un'intervista - dovrebbe venire e guardare con i suoi occhi quello che sta accadendo». Molti sbandati hanno trovato rifugio in alcuni ex capannoni industriali attorno al porto. Una reporter del Telegraph ha descritto qualcosa che somiglia al set di un film alla Blade Runner: «Di notte le luci rosse e verdi del porto mandano i loro segnali mentre fili di fumo giallo escono dai camini delle fabbriche spettrali attorno al porto. Figure sfuggenti con i cappucci scuri si aggirano nell'oscurità nella zona dei camion e all'improvviso, rischiarate da un flash di luce, si precipitano nella terra di nessuno e tentano di arrampicarsi lungo le recinzioni».

La stragrande maggioranza degli immigrati, ovviamente, è approdata a Calais dopo aver attraversato mezza Europa. L'Italia, per quasi tutti, è stata il primo punto di contatto con il Vecchio Continente. Un elettricista eritreo ha raccontato al Daily Telegraph di aver pagato 1.000 dollari per essere trasportato in macchina fino in Libia attraverso il Sudan con la moglie e la figlia. «Poi ce ne sono voluti altri milleeseicento a testa - ha detto - per raggiungere l'Italia con una barca. Qui è brutto, ma è meglio che in Eitrea. Almeno siamo liberi». «L'Europa deve capire cosa sta avvenendo qui - ha affermato un ufficiale della polizia francese - Non è fisicamente possibile controllare tutto e tutti. Si va verso l'anarchia e l'anarchia può distruggere, insiem al fanatismo religioso, tutta l'impalcatura della nostra società»

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 22:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

FaceApp, i figli crescono e le mamme invecchiano

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma