Beirut, 40 morti e 105 feriti nel duplice attentato dei kamikaze vicino a ospedale, l'Isis rivendica gli attacchi

Sabato 21 Novembre 2015
1

Due esplosioni sono avvenute oggi pomeriggio nel sud di Beirut: secondo l'ultimo bilancio della Croce Rossa Libanese, come riferisce la tv al-Mayadeen vicina a Hezbollah, i morti sono almeno 37 e i feriti 105. In precedenza il ministero dell'Interno aveva confermato un bilancio di almeno 40 morti e 105 feriti. Le tv libanesi stanno trasmettendo immagini in diretta dalla zona dell'esplosione dove sarebbero entrati in azione due attentatori suicidi.

Secondo l'agenzia nazionale libanese Nna, la duplice esplosione è avvenuta tra il campo palestinese di Burj Barajne e via Husseiniya, nella periferia sud roccaforte del movimento sciita Hezbollah. Le vittime, il cui numero è purtroppo destinato a salire, sono state colpite dalle due detonazioni tra il Caffè Shihab e l'ingresso dell'ospedale Rasul al Aazam gestito da Hezbollah.

LA RIVENDICAZIONE

L'Isis ha rivendicato con un comunicato gli attentati di Beirut. Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web.

Secondo il comunicato rilanciato dal Site e attribuito all'Isis, l'organizzazione dello Stato islamico ha affermato che «soldati del Califfato» hanno compiuto l'attentato a Beirut contro un «raggruppamento di sciiti» e «apostati». Si indica Hezbollah (Partito di Dio) come «Hezbollat», «partito delle divinità».

Secondo la ricostruzione fornita dal comunicato, il primo kamikaze era a bordo di una moto-bomba, mentre il secondo era a piedi e ha azionato la cintura esplosiva che aveva indosso tra i soccorritori del primo attentato. Nel testo si parla di 40 uccisi, bilancio analogo a quello fornito dalle autorità libanesi. E si indica il luogo esatto dell'esplosione a Beirut sud

Ultimo aggiornamento: 13 Novembre, 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma