Inghilterra, jet privato si schianta in un parcheggio, morte sorella e matrigna di Bin Laden: erano partite da Malpensa

Sabato 1 Agosto 2015
7

Un piccolo aereo privato è precipitato su un parcheggio di auto nell'Hampshire, sud dell'Inghilterra, provocando la morte delle quattro persone a bordo. Il jet, decollato dall'aeroporto di Milano Malpensa, apparteneva alla famiglia Bin Laden, e trasportava la sorella e la matrigna del terrorista.

Il velivolo stava cercando di atterrare all'aeroporto di Blackbushe, ma è precipitato alla fine della pista, prendendo subito fuoco, riferiscono testimoni alla Bbc. Secondo il Daily Mail, il jet ha distrutto 15 auto parcheggiate nel sito di aste e appartiene a un saudita. Sul luogo si è levata una densa colonna di fumo nero.

L'aereo era un Phenom 300, piccolo jet in grado di trasportare fino a nove passeggeri. Era decollato dall'aviazione generale di Malpensa, da cui partono i voli gestiti da società di Handling private. Gli handler si appoggiano alle piste dell'aeroporto di Malpensa, ma in terminal diversi da quelli del quotidiano traffico di passeggeri, aiutando i clienti a sbrigare controlli e formalità del volo.

Nell'incidente, oltre alle due parenti di Bin Laden, sono morte altre due persone, il pilota dell'aereo, di cittadinanza giordana, e un altro passeggero. Il velivolo era di proprietà della Salem Aviation di Jeddah, controllata dalla famiglia del fondatore di al Qaeda ucciso nel blitz delle forze speciali americane in Pakistan nel maggio del 2011.

Secondo le prime ricostruzioni, il jet è precipitato in fase di atterraggio nell'aeroporto di Blackbushe, in Hampshire, mancando la pista e andandosi a schiantare nel vicino parcheggio di una rivendita di auto, provocando una potente esplosione ed un incendio. Non vi sono state vittime a terra. Secondo quanto riporta il quotidiano britannico Daily Mail, la polizia non ritiene che sia stato un atto terroristico o criminale.

L'ambasciata saudita a Londra, riporta il sito della Bbc, ha diffuso una dichiarazione, pubblicata su Twitter, con l'ambasciatore, il principe Mohammed bin Nawaf bin Abdul Aziz, offre le sue condoglianze alla famiglia ed ai parenti di Mohamed Bin Laden. Ma non vengono confermate le identità delle vittime. L'ambasciata aggiunge poi che continuerà a seguire le indagini sull'incidente condotte dalle autorità britanniche e lavorerà per il trasferimento delle salme per i funerali in Arabia Saudita.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 11:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA