Zingaretti, al party elettorale scatta il coro: «Segretario, segretario»

«Se-gre-ta-rio, se-gre-ta-rio». Nicola Zingaretti festeggia la rielezione a presidente della Regione all'ex Lanificio, zona Pietralata. Ma il suo popolo, che va dal centro ai grassiani di Leu, pensa ad altro. Lo vuole al Nazareno, lo vuole «segretario». Il coro scatta, al secondo piano di questo Forte Apache della sinistra romana, laziale e non solo. Zingaretti, sorride e prosegue nel comizio (ne fa due, uno per piano perché c'è troppa gente: oltre duemila persone) più che altro è un ringraziamento a chi lo ha sostenuto.
 
Il party dem, che diventa una sorta di dem-pride, visto il clima mesto che c'è in giro, è tutto un «Nicola, pensaci tu». E non si sa se lui, il presidente confermato in barba alla buriana destrorsa-grillina che soffia un po' ovunque, ci sta pensando davvero. «Sei meglio di Montalbano», gli urla una sostenitrice con sciarpa colorata d'ordinanza giocando con il fratello, che però qui non c'è. Il presidente chiude due comizi e vola  a casa: «Fatemi stare con la mia famiglia».

E magari anche alle prese con i problemi spiccioli di questo successo inatteso: non ha la maggioranza in consiglio regionale e dovrà inventarsi qualcosa per eleggere al pronti e via il presidente dell'll'Aula. Ma queste sono magagne che qui interessano poc. «Lo vogliamo al Nazareno», confessano gli zingarettiani dell'ultima ora che trovano molto più cauti quelli della prima. Nel dubbio l'evento si chiama "Regeneration party". La festa del rigeneratore del centrosinistra nel Lazio, e poi chissà...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Nave Ong in attesa di un attracco Salvini: «Malta apra porti a Lifeline» La Valletta: «No. Non ci compete»
Vaccini, Salvini contro l'obbligo «Inutili 10, scuole aperte ai bimbi» No di Giulia Grillo
Dall’epatite al morbillo, la prevenzione è decisiva Anteprima sul Messaggero Digital
Morti lo chef Narducci e un'amica
Uccise la moglie a bastonate, ergastolo al dermatologo Cagnoni