Viganò, nuove accuse a Papa Francesco

L'ex nunzio apostolico degli Stati Uniti, Carlo Maria Viganò, torna ad attaccare Papa Francesco, del quale aveva già chiesto le dimissioni per aver ignorato alcuni abusi sessuali. Viganò, sul sito Lifesitenews, ricostruisce l'udienza privata del Pontefice, nel 2015 in Usa, con Kim Davis, una funzionaria del Kentucky arrestata nel 2014 perché si era rifiutata di registrare le nozze tra due gay. Bergoglio sapeva benissimo chi fosse e non era stato lo stessò Viganò, come invece sostenuto in ambienti papali, ad averla introdotta al Pontefice in maniera forzata. Dura la replica del Vaticano: "C'erano decine di invitati, non si è trattato di una forma di sostegno" alla posizione di Davis. Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Fisco, mancano le coperture salta lo sconto sulle cartelle
Scontro M5S-Lega su inceneritori, Di Maio: «A qualcuno piacciono ancora, ma sono roba vintage»
Meteo, l'inverno è arrivato: la burrasca si sposta nel centro Italia
Tim, la missione di Gubitosi sulla rete: «Internet veloce in 27 milioni di case»
Avances spinte alle ragazze: scoppia il finimondo sul bus. E alla fine il branco pesta l'autista