Vero, il social network che sfida Facebook fa il boom di download

È boom per Vero, il social a pagamento che vuole soppiantare Instagram e Facebook. È una piattaforma per iOS e Android lanciata nel 2015 ma che solo nelle ultime ore è diventata popolare (600mila download solo negli Usa). Il primo milione di persone ha potuto accedere gratuitamente, invece d'ora in poi si pagherà una piccolo abbonamento annuale perché il principio su cui ruota la piattaforma è questo: gli utenti non sono prodotti da dare in pasto alla pubblicità e agli inserzionisti. Infatti sul social non ci sono gli annunci, lo slogan è «meno social media, più vita sociale». «I nostri abbonamenti ci consentono di lasciare la pubblicità fuori e di focalizzarci solo su una migliore esperienza social - si legge sul sito - non cerchiamo nuovi modi di monetizzare gli utenti o di tenerli sull'app con notifiche continue». La piattaforma è stata lanciata dal milionario libanese Ayman Hariri (figlio dell'ex primo ministro), dall'impresario cinematografico Motaz Nabulsi e dal venture capitalist Scott Birnbaum. Assomiglia ad Instagram ma i post appaiono in ordine cronologico, come non accade più da tempo su Facebook, Instagram e anche Twitter governati oramai dagli algoritmi. Gli amici si dividono in quattro categorie (stretti, amici, conoscenti e follower), ci sono gli hashtag per gli argomenti e la possibilità di condividere post, foto, video e anche interessi (film, musica, libri). Chissà se sarà il prossimo Facebook, non è la prima volta che spuntano app nuove come Sarahah e Ello, di cui poi si è persa traccia.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Mafia, scacco ai Casamonica: 31 arresti, anche Domenico Spada Sei persone ricercate
Taglio pensioni alte, ecco le ipotesi Governo-Inps, frenata dopo la lite
Trump-Putin, si volta pagina
Legittima difesa, Salvini accelera: al via in Senato il ddl del Carroccio
Rai, Bianchi Clerici alla presidenza Si sblocca anche la Cdp