Papa Francesco, chi discrimina i gay non ha un cuore umano

Chi scarta i gay, chi li discrimina, li prende in giro, li ghettizza «non ha cuore umano». Papa Francesco parlando con l'attore britannico Stephen K. Amos, che gli confidava di non sentirsi accettato dalla Chiesa come omosessuale, è tornato a spezzare una lancia a favore della inclusione in ambito religioso delle proprie tendenze sessuali. Dopo la famosa frase «chi sono io per giudicare un gay», anche questo intervento del Papa (che è stato riferito dallo stesso attore britannico ricevuto in Vaticano nei giorni scorsi), non mancherà di fare riflettere.

Il Papa ha ripetuto all'attore che le proprie tendenze non tolgono «la dignità come persona» e che chi «preferisce scegliere o scartare la gente per l'aggettivo omosessuale, è gente che non ha un cuore umano».

Alcune scente del'incontro a Casa Santa Marta sono state mostrate dalla Bbc. Stephen K. Amos, racconta al Papa che come uomo gay non si è sentito accettato nel corso di un pellegrinaggio. Da questa confessione la frase del Papa. Chi discrimina i gay non ha cuore. 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Muoversi tra regioni e andare allo stadio: serve il pass vaccinale
Ecco le riaperture di primavera dai bar-ristoranti a spiagge e piscine
Pubblico negli stadi da maggio (anche per i concerti). Ripartono calcetto e altri sport
Vaccino agli under 60 nel Lazio, partono le prenotazioni: inoculazioni a giugno, AstraZeneca per chi vuole
Fondi per strade e ferrovie: la spinta per il Centro Italia, sbloccati 87 miliardi per le infrastrutture