Perugia, c’era una volta il sogno della mini Silicon Valley a Monteluce

L'area della Nuova Monteluce
PERUGIA - Living lab, digipass, data center e tra le ultime della serie pure il Modh, acronimo un po’ chiccoso di Monteluce digital hub. L’idea era un...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
PERUGIA - Living lab, digipass, data center e tra le ultime della serie pure il Modh, acronimo un po’ chiccoso di 
Monteluce digital hub. L’idea era un “quartiere digitale”. Così veniva presentato dalla giunta di Catiuscia Marini il rilancio dell’area “ex policlinico” alle porte del centro storico, peccato che la Silicon Valley in miniatura sia rimasta sulla carta. «L’obiettivo è creare nell’ambiente ricco e multidisciplinare della Nuova 
Monteluce, con Università, studentato, clinica Porta Sole, Casa della Salute, Umbria digitale, una rete fisica e virtuale che si possa muovere nei binari digitali per promuovere nell’intero territorio regionale la cultura digitale, accompagnare il cambiamento tecnologico, favorire innovazione, confronto e creatività», così scriveva la Regione in una brochure di qualche anno fa. Ma è andata in tutt’altro modo. Tra gli ultimi a mettere le mani su quell’idea, l’ex assessore della Marini Antonio Bartolini. La Regione detiene la maggioranza delle quote del fondo immobiliare su cui si è mossa la riqualificazione di quel pezzo di città e tra tante idee aveva immaginato il trasferimento a 
Monteluce della “sua” Umbria digitale. L’agenzia era pronta a spostare lì anche il proprio data center. Tutti d’accordo, peccato solo che al momento del trasloco la palazzina scelta per ospitare i cento dipendenti con computer e scrivanie fosse occupata da un altro inquilino. Lì, infatti, da giugno 2015 si sono piazzati gli uffici anagrafe del Comune di Perugia. Romizi, in realtà, a 
Monteluce paga l’affitto e conta di spostare i suoi quando sarà realizzata un’altra palazzina del Comune. Anche l’Ater (l’agenzia regionale per l’edilizia residenziale) ad un certo momento è entrata nella partita: avrebbe dovuto trasferirsi nel quartiere digitale e farsi carico di attrarre lì le società in house di Palazzo Donini: da Umbria digitale all’Afor (l’agenzia forestale), ma non se n’è fatto niente neanche al secondo tentativo. E non ha preso corpo neanche il Modh, quel Monteluce digital hub che avrebbe dovuto «diffondere innovazione tecnologica e uso della Information and communications technology, nascita e crescita delle start-up...», così era scritto nell’avviso pubblico risalente a tre anni fa pubblicato dagli uffici del servizio affari europei della Regione per raccogliere manifestazioni d’interesse al progetto. Poi, però, il sogno immobiliare di realizzare la Silicon Valley perugina sulle ceneri del vecchio ospedale s’è infranto contro la durezza dei numeri e del cemento. Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Live Juventus-Monza 0-2
Roma, molotov contro distretto di polizia al Prenestino: pista anarchici. Scontri a Trastevere, 41 denunciati
Droni attaccano una fabbrica militare in Iran Al Arabiya: «Coinvolta l'aviazione statunitense»
Messina Denaro, caccia alle amanti a Campobello. Una ha un'auto da 70mila euro (ma nega sia un regalo)
Choc a Brescia, accoltella il marito alla gola e lo uccide davanti al figlio 15enne