Treni in ritardo un monumento alla pazienza dei passeggeri

Incredibile: vince la pazienza collaudata da tante esperienze, il sorriso stirato ed amaro, insomma la rassegnata speranza.
Ci si può incantare ammirati e increduli nell'ascoltare i florilegi di opinioni ed esperienze dal vivo raccolte per strada per i Tg sui disagi della sbiancata di neve sulla capitale.
Quei volti, quelle frasi asciutte ma pacate, ci mostrano il sentire diffuso di un disincanto dilagante; braccia allargate in gesti esausti di disperazione sofferta e contratta, quasi increduli davanti a quella scandalosa sproporzione tra la causa (l'annunciata nevicata) e gli effetti sulla popolazione (trasporto pubblico pressochè latitante, sistema ferroviario nazionale paralizzato).
Quelle espressioni di rammarico appena appena venato di stizza, meritano rispetto e perfino riconoscenza, perché riescono a tenere a bada, come rinchiuse in una camicia di forza, i maltrattamenti subiti sui propri bisogni principali (per esempio recarsi a scuola, al lavoro, dal medico).
Sulla lieve ferita causata da quelle 5 dita di neve gli amministratori non sono riusciti neppure a far spargere un po' di sale e gli operatori ferroviari sugli scambi ghiacciati a Termini hanno mandato penosi comunicati di scuse intrise di false ingenuità, che nascondono vistose incompetenze gestionali.
«Aspettiamo ancora notizie sulle prossime partenze» dicono quasi tutti.
E se l'attesa stesse per finire, domenica prossima?
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Lazio-Eintracht, scontri all'Olimpico La polizia carica, 5 fermi
Antonio Megalizzi, 48 ore per decidere se staccare la spina La mamma: spero in un miracolo
Bce, Draghi: «Ripresa stenta, tassi fermi». Da gennaio stop al Qe
Raffaele Marra condannato a tre anni e sei mesi «Deve 100mila euro al Campidoglio»
Stilista impiccata, per gli esperti il suicidio è una messa in scena: «Strangolata, poi appesa a un albero»