Una poesia per Spelacchio

Riceviamo e pubblichiamo i seguenti versi su Spelacchio inviatici da Luca M. Apollonj Ghetti

"In ricordo di Spelacchio"

A Roma, pe’ regola, se nasci Abete
Mal che te vada te fanno Presidente.
Io pure nasco Abete 
‘na stella sola me so guadagnato
Che l’artre quattro so’ diventate Raggi.
Da subito m'han chiamato Spelacchio
Che ‘n po’ ricorda Ciceruacchio
Ma lui fu eroe ed io pizzardone
A lui gl’han dedicato via Brunetti
Centrale assai per il Garibaldino**
Per me invece il destino è vicino
Finirò segato ne li cassonetti.

*al posto del Vigile Urbano al centro di Piazza Venezia a dirigere il traffico
**Angelo Brunetti detto Ciceruacchio eroe romano che fuggì con Garibaldi

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Tria rassicura: «Rispetto dei conti Misure graduali, l'Iva non aumenta»
Berlusconi, Salvini e Meloni: centrodestra unito in tutte le prossime elezioni
Pieni poteri al commissario e 500 assunzioni in deroga negli enti locali
Decreto migranti e sicurezza, è tensione M5S-Lega. Conte media