Coronavirus, i bigliettini "Tutto andrà bene" invadono le città: così si combatte la paura da Covid-19

GUARDA IL VIDEO

Una vera e propria invasione di bigliettini con la scritta "Tutto andrà bene", accompagnata da un cuoricino, sta regalando un sorriso alla Lombardia (e non solo), in questo difficile momento per il coronavirus. L'iniziativa sembra essere partita dalla provincia di Brescia e si è rapidamente diffusa anche a Milano e Bergamo. I post-it "Tutto andrà bene" sono ovunque: portoni, citofoni, panchine, saracinesche di negozi e persino sui parabrezza delle auto.

LEGGI ANCHE Effetto coronavirus, aria più pulita: meno gas nocivi in Cina, inquinamento giù del 30%

Chi ne trova uno, di solito, lo fotografa e condivide lo scatto sui social con l'hashtag #tuttoandràbene, per regalare al prossimo un sorriso e, perché no, un pizzico di speranza. La mente dietro questo «atto poetico collettivo» sarebbe quella di una poetessa lombarda, Luciana Landolfi, che per prima avrebbe cominciato a disseminare le città di questi bigliettini anonimi.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ipotesi pandemia: ecco come i nostri stili di vita cambierebbero. «Social e tecnologia nostri alleati»


  

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Tutti promossi e maturità online Passa il dl scuola, 4.500 prof assunti
Intesa su pacchetto liquidità: garanzia al 100% per le piccole e medie imprese
Boris Johnson con l'ossigeno in ospedale: «Sto bene». Ma Gran Bretagna in ansia
Roma entro aprile a contagio zero. D'Amato: «Vaccino contro l'influenza imposto a over 65»
Che estate sarà? L'infettivologo: «Niente mascherina al mare, ma distanze obbligatorie»