Conti segreti e vacanze a Dubai «per pagare i giudici corrotti»

ROMA La giustizia amministrativa e quella penale. Il sistema Amara-Calafiore controllava e garantiva risultati certi, per i clienti eccellenti e per i propri interessi. Gli atti delle inchieste di Roma e Messina rinviano ad altri fascicoli: da quello romano su Consip a quello milanese sulle presunte tangenti Eni. Primi attori sono i magistrati disposti a tutto, almeno secondo l’accusa, come Riccardo Virgilio, ex presidente della IV sezione del Consiglio di Stato, pronto a riassegnare gli appalti Consip, e Giancarlo Longo, il pm di...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Lazio-Inter 2-3: Icardi e Vecino ribaltano il risultato, Inzaghi manca la Champions
Intesa Lega-M5S: domani al Colle Conte verso Palazzo Chigi
A14, getta la figlia dal viadotto e dopo sette ore si lancia: morti La moglie giù dal terzo piano
Epidurale, Italia maglia nera: «Garantita a una donna su 5» L'articolo su Messaggero Digital
Violentata a Roma, il racconto choc «Quella bestia mi mordeva il volto»