Silvia Provvedi: «Io e Corona siamo più forti di prima, adesso deve condurre una vita normale»

«E' stata dura, ma devo ammettere che è molto ripagante avercela fatta e riavere Fabrizio a casa. Siamo più forti di prima». Così ha detto Silvia Provvedi, fidanzata di Fabrizio Corona a Verissimo. Intervistata da Silvia Toffanin la ex naufraga, membro del duo "Le Donatella", ha raccontato le sue emozioni ora che il suo uomo è di nuovo con lei.

Silvia racconta la nuova quotidianità: «Fabrizio sta cercando di essere perfettamente in linea con le prescrizioni che gli hanno imposto. Non può parlare con i giornalisti, deve condurre una vita semplicemente normale, mantenendo un profilo basso. Esce alle otto di mattina, torna alle sei di sera dopo aver fatto il suo percorso in comunità e poi mangiamo insieme». Poi continua: «La situazione è molto delicata. Il mio interesse è che lui faccia tutto secondo le regole, perché io ho voglia di pace ed è contro il mio volere che ritorni a patire qualche pena. Il mio primo pensiero è che lui non violi nulla, che stia lontano da ogni tipo di tentazione e che riprenda in mano la sua vita in maniera regolare».



Poi la Provvedi confessa le sue paure: «Quello che mi ha sempre preoccupata di più riguarda gli amici non amici che lo potevano influenzare, gasando il suo ego». Silvia parla anche del rapporto tra Nina Moric e Fabrizio, nello specifico del loro interesse per Carlos e si augura che questa scarcerazione possa portare un po' di pace e di serenità tra loro. Poi conclude: «Mi auguro che la nostra storia duri per sempre, ma se dovesse finire, con quello che abbiamo passato insieme, resteremmo comunque migliori amici per la vita».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League, R.Madrid-Roma 3-0 gol di Isco, Bale e Mariano
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Flat-tax sui redditi alti, non solo Ronaldo: sempre più “paperoni” scelgono l’Italia L'anteprima sul Messaggero Digital