Scuola, una mensa su tre fuori regola. Giulia Grillo: «Un film dell'orrore»

Panini contenenti insetti, cibi scaduti, locali in pessime condizioni igieniche e infestati da parassiti vari, addirittura topi ed escrementi di roditori ben in vista. È la fotografia di molte mense scolastiche italiane: ben una su tre, su un totale di 224 ispezionate, presenta infatti irregolarità e in sette casi le condizioni erano tali da aver reso necessaria la chiusura del servizio.

A portare alla luce questa realtà gravissima, che mette a rischio la salute dei più piccoli, sono stati i carabinieri dei Nas: un'istantanea che il ministro della Salute Giulia Grillo ha definito un vero e proprio «film dell'orrore» e che il titolare dell'Istruzione Marco Bussetti bolla come «intollerabile». I dati arrivano dal Comando per la Tutela della Salute Nas che, d'intesa con il ministero della Salute, ha avviato fin dall'inizio dell'anno scolastico un monitoraggio di controllo, tuttora in corso. Ad oggi, sono state ispezionate 224 mense presenti negli istituti scolastici del territorio nazionale, delle quali 81 hanno evidenziato irregolarità, tra queste 7 presentavano una grave situazione igienico-strutturale e ne è stata disposta la chiusura (si tratta di 3 strutture a Roma, 2 a Livorno, 1 a Pescara e 1 a Lecce).

Alle 81 irregolari sono state contestate 14 violazioni penali, 95 infrazioni amministrative con il deferimento di 15 persone alle Autorità giudiziarie, nonché sanzioni pecuniarie per oltre 576mila euro. Sequestrate, inoltre, più di 2 tonnellate di alimenti poiché prive di indicazioni di tracciabilità e provenienza dei prodotti, detenute in ambienti e condizioni inadeguati nonché scadute. A Roma, addirittura, per un istituto scolastico costituto da tre distinti plessi (due materne e una media) è stata disposta la sospensione delle attività didattiche a causa, spiegano i Nas, della «presenza diffusa di animali infestanti ed escrementi di roditori, con interessamento anche delle aree dedicata alla somministrazione dei pasti».

«Furbi e "cucine da incubo" non possono essere tollerati - afferma Grillo - vi sono regole chiare da seguire e tutti i mezzi possibili per garantire tracciabilità e correttezza di conservazione degli alimenti. Per questo non possiamo permettere il menefreghismo di chi stipula contratti ben precisi e poi fa il furbo o peggio. A maggior ragione quando è in gioco la salute dei bambini». E «chi ha messo a repentaglio la salute e il benessere dei nostri bimbi - avverte Bussetti su Fb - non deve rimanere impunito». Plaude all'operazione dei Nas la Coldiretti: «Ben vengano i controlli per tutelare da furbi e criminali interessati da un business calcolato in 1,3 miliardi di euro, grazie a 380 milioni di pasti l'anno per 2,5 milioni di studenti nella sola refezione della scuola dell'obbligo». Il Codacons chiede poi che le mense incriminate restituiscano alle famiglie il costo del servizio e siano indagate per attentato alla salute pubblica. Intanto, si apre un nuovo fronte: il senatore Achille Totaro (FdI), membro della commissione Sanità, chiederà con un'interrogazione al ministro Grillo chiarimenti in merito ai sei casi di scabbia verificatisi, negli ultimi due mesi, presso la scuola Don Minzoni di Firenze. Il ritorno di «questa e di altre malattie - afferma - è una cosa gravissima, frutto della solita politica di accoglienza indiscriminata senza i giusti controlli anche sanitari. Questi sono i risultati».

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Fisco, Conte accontenta Di Maio E' asse a tre contro Renzi
Manovra, multe su Pos posticipate Dl fisco, intesa su carcere evasori Superbonus Befana nel gennaio 2021
Ex Ilva, salta lo scudo penale: il Pd segue la linea dei 5Stelle
Terremoto, ok al decreto: recuperati fondi anche per L'Aquila
Umbria, faccia a faccia Tesei-Bianconi Il duello per IlMessaggero.it