Sciopero dei taxi, non solo disagi: si tratta di danni incalcolabili

Si dice e si scrive: sciopero dei taxi, oppure fermi bus e metro, disagi per i cittadini. Domanda numero uno: disagi è la parola giusta? Solo disagi? Che cosa si intende per disagi? Un moto di imbarazzo temporaneo, leggero, lieve, un attimo di sconcerto come di fronte a moto di stizza che subito passa, riassorbito dallo scorrere della giornata? No e poi no.

Non si tratta di disagi, al di là delle buone o più spesso delle flebili ragioni di chi sciopera, dal numero e dalla consistenza dei sindacati che dichiarano l'arresto del servizio pubblico: si tratta di danni incalcolabili e gravissimi per le persone e per la collettività, pedaggi pesantissimi che ciascuno deve affrontare per risolvere altrimenti, con fatica, l'obbligo di spostarsi, di andare e tornare dal lavoro, di far fronte a impegni inderogabili, assai costosi.

Domanda numero due: la pressione esercitata sulla controparte viene percepita, accolta, sblocca lo stallo delle trattative, accoglie le richieste, è davvero l'ultima e estrema possibilità di far valere le proprie ragioni? No, statisticamente non avvicina le parti. Ecco allora che si ha l'impressione che l'assenza prolungata imposta con sconcertante frequenza di un servizio pubblico fondamentale sia una specie di coazione a ripetere un gesto di forza, là dove ogni battaglia sindacale non scioglie i nodi della contesa. L'arma dello sciopero ferisce ma è spuntata, incide la carne viva della città ma non guarisce dal male, anzi lo aggrava. La medicina peggio della malattia.

paolo@graldi.it

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Francia, il ritorno del terrore Video Spari al mercatino di Strasburgo Tre morti e 12 feriti, uno italiano
Brucia il centro rifiuti Salario a Roma Allarme nube. I pm: disastro colposo
Conte da Juncker, braccio di ferro finale. Deficit al 2,05% per evitare la procedura
Salvini in Israele: «Hezbollah terroristi islamici»
Eliminato il Napoli: Salah e Alisson spingono il Liverpool agli ottavi