Romani come noi/ Lauretta, volontaria: «La mia vita in carrozzina tra voli e balli»

L'indirizzo mail di Lauretta Piarulli è diversamenteabile.nograzie@...«Sono sempre andata oltre. La diversità appartiene a ognuno di noi. La vita non è diversa per chi sta sulla sedia a rotelle e chi in piedi. La vita è la tua testa che l'affronta». Sempre oltre, Lauretta. La bimba si ribella alla malattia, dicevano i medici. Aveva 18 mesi, la poliomielite, la meningite e respirava con il polmone d'acciaio. Forse non ce la fa. Qualche anno dopo giocava a pallone con i maschi. Signora Piarulli, non può avere figli. Ne ha avuti 4, all'ultimo cesareo ha rischiato di morire. Le gambe sempre più deboli. Adesso, Lauretta, devi rassegnarti alla carrozzina. Aveva 42 anni (adesso ne ha 56). Fa lo stesso. Gira da sola su bus, treni, metro, da volontaria aiuta gli altri malati, va a cavallo, balla «faccio le giravolte», si lancia con il paracadute.

Qual è la prossima sfida?
«Vorrei fare qualcosa per Roma, impegnarmi perché le persone nelle mie condizioni incontrino sempre meno ostacoli».

Ne avrai incontrati tanti, come li hai affrontati?
«Da piccola sono uscita da una paralisi totale. Dopo questo, cosa può sembrarmi impossibile? Io credo che quando ci viene tolto qualcosa, c'è una risorsa enorme dentro di noi che compensa. Bisogna trovarla. Non c'è niente di cui direi: questo non posso farlo e mi manca. Ma ci sono arrivata attraverso il dolore».

Una bambina questo non può capirlo.
«Mi sentivo diversa da bambina, ma in bene, anche se avevo due tutori alle gambe e il busto per la scoliosi. Eravamo poveri, nove figli, papà vendeva bruscolini al cinema, ma c'era allegria nella nostra casa. Dormivo nel letto con mia sorella, mi scaldava i piedi. Mia madre mi diceva: Lauretta lava i piatti, Lauretta bada alle tue sorelle. Mi facevano sentire come gli altri. Mio padre ha venduto la biancheria per portarmi a Lourdes. E quando mi sono sposata, a 20 anni, ha scritto una serenata per me: Lauretta mia, bimba adorata, la serenata te la canta papà....Sotto la finestra di casa, alla Garbatella, c'era una folla».

Quando hai cominciato a fare volontariato?
«Il mio sogno era fare la crocerossina. Al centro di riabilitazione Nido verde Lyda Cini, dove ho passato la mia infanzia, arrivavano queste donne vestite di bianco. Io le ammiravo. Le mie bambole le vestivo così. Poi a 28 anni mi sono ammalata di psoriasi artropatica. Durante i ricoveri di mesi, all'Ifo, ho cominciato a fare una specie di volontariato: aiutavo i vecchietti, facevo il pedicure alle signore, tenevo compagnia a chi era solo. Anni dopo ho anche lavorato per quell'ospedale, ho assistito per mesi 2 bambini etiopi con il melanoma. Li tenevo sulle mie gambe in carrozzina. Nel 2005 a Firenze mi hanno consegnato la divisa della Croce Rossa».

Continui a occuparti degli altri?
«Sì, certo, anche senza una divisa. Vado a Termini, con la mia sedia a rotelle, e sto con i clochard: porto vestiti, cibo, li ascolto, gli sorrido. A volte basta questo, ho tanti amici lì».

Riesci a muoverti da sola in carrozzina a Roma?
«Fatico molto, ma ci provo sempre. Quante volte resto bloccata nella metro B perché gli ascensori sono rotti. Ma l'importante per me è lottare e non fare arrivare il messaggio: poveri disabili... Questo ripeto ai ragazzi quando vado nelle scuole a parlare di questi temi: bisogna ribellarsi alla vita».

Anche i lanci con il paracadute. Non rischi troppo?
«Era il mio sogno. La prima volta mi sono lanciata a Fano, dieci anni fa: 3mila metri in caduta libera. Appena sono scesa ho chiesto di risalire. Ma adesso sono un poco più debole, devo rallentare. Una gamba è piccola come quella di un bimbo, ma io la imbottisco con i pigiami. La mia femminilità prevale sempre. E la mia testa per fortuna continua a ribellarsi».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League, R.Madrid-Roma 3-0 gol di Isco, Bale e Mariano
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Flat-tax sui redditi alti, non solo Ronaldo: sempre più “paperoni” scelgono l’Italia L'anteprima sul Messaggero Digital