Roma, pestaggio in metro: maxi condanne a 17 e 14 anni

Condanne pesanti per gli autori del pestaggio di Maurizio Di Francescantonio, avvenuta il 18 settembre del 2016 in un vagone della metropolitana di Roma. La X sezione penale, presieduta da Clementina Forleo, ha inflitto 17 anni e 9 mesi di carcere a Antonio Senneca e 14 anni a Luigi Riccitiello e Gennaro Riccitiello. Nei loro confronti l'accusa del pm Luigi Fede è di tentato omicidio mentre a Senneca vengono contestati anche le lesioni ai danni della madre del 37enne aggredito e la resistenza a pubblico ufficiale.
 

La violenta aggressione era partita dopo che Di Francescantonio aveva chiesto ai tre di rispettare il divieto di fumo all'interno della metro romana. I condannati, tutti con precedenti, quella domenica pomeriggio in un convoglio della metro B a piazza Bologna presero a calci e a pugni Di Francescantonio, 37enne residente a Tivoli. L'unica a difenderlo fu la madre che tentò di fargli da scudo, ricevendo anche lei dei colpi. I tre sono stati identificati grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza che ripresero tutte le fasi della aggressione.
 


 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
La Francia avverte l'Italia: «Rispetti gli impegni o l'eurozona è a rischio»
Governo, ore decisive: nodo premier tra Salvini e Di Maio nuovo vertice
Violentata a Roma, il racconto choc «Io vomitavo, loro filmavano tutto»
Carte d’identità elettroniche, 350 mila hanno il chip difettoso
Terremoto a Messina, paura tra gli abitanti. «Scossa avvertita anche a Milazzo e Reggio Calabria»