Minacce e pestaggi per il controllo di Roma est: scacco alla Cosa Nostra della Tiburtina, 39 arresti

Maxi operazione antidroga dei carabinieri a Roma. 39 gli arrestati accusati, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, armi ed estorsioni, aggravati dal metodo mafioso. Circa 300 carabinieri del Comando Provinciale stanno eseguendo un'ordinanza del gip di Roma su richiesta della DDA. Dalle indagini è emersa un'organizzazione dai connotati mafiosi, dedita principalmente alla gestione del monopolio del traffico e dello spaccio di droga nell'area est della Capitale.

LEGGI ANCHE: Cocaina nei salotti dei Parioli: 21 arresti. Lo spaccio nei locali vip, Jackie O' e Notorius

L'organizzazione si era imposta nell'area est della Capitale attraverso una serie di aggressioni e minacce ai danni di pusher 'concorrentì e di acquirenti insolventi. A quanto accertato dagli investigatori, in alcuni casi si è sfociato in violenti pestaggi per ottenere il pagamento dei debiti di droga. Il gruppo esercitava un'azione di controllo del territorio attraverso vedette.

 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Migranti, nuovo scontro con Parigi Macron: «In Italia nessuna crisi» Salvini: «Arrogante, tu li respingi»
Guardia costiera italiana alle Ong davanti alla Libia: «Non chiamateci» Cargo con migranti vicino Pozzallo
Di Maio: «Capisco i timori di Tria ma il reddito di cittadinanza è la priorità»
Roma, scooter contro auto: muore 36enne, non aveva il casco Sott'accusa ancora le radici
Lo chef Narducci e l'amica uccisi a Roma, la polizia cerca testimoni