Roma, il Colosseo dichiara guerra ai ladri d’immagine: stop agli abusi pubblicitari

L’arena trasformata in una pizza margherita e la bibita ghiacciata gustata davanti allo Sperone Valadier, le confezioni di cioccolatini griffate Colosseo e la ditta di tende da sole che addobba l’Anfiteatro Flavio, i corsi di cucina nel tempio dei gladiatori e i loghi di società cash and carry che campeggiano sul monumento, fino a tutti quei volantini, documentazione promozionale (e sito web) del Colosseo sfoggiati dai promoter con l’abbocco del salta-fila mentre “acchiappano” turisti per conto di sedicenti...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Nave Ong in attesa di un attracco Salvini: «Malta apra porti a Lifeline» La Valletta: «No. Non ci compete»
Vaccini, Salvini contro l'obbligo «Inutili 10, scuole aperte ai bimbi» No di Giulia Grillo
Dall’epatite al morbillo, la prevenzione è decisiva Anteprima sul Messaggero Digital
Morti lo chef Narducci e un'amica
Uccise la moglie a bastonate, ergastolo al dermatologo Cagnoni