Roma, cocaina nei salotti dei Parioli: 21 arresti. Lo spaccio nei locali vip, Jackie O' e Notorius

Cocaina nei salotti romani dei Parioli e nei locali notturni della 'Roma Bene'. Al termine di una complessa indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma e condotta dai carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura, sono state arrestate 21 persone. Nel corso dell'attività investigativa sono stati sequestrati armi e droga.

A quanto accertato, uno degli indagati spacciava quotidianamente cocaina in due locali notturni nei pressi di via Veneto: il Jackie Ò, night club noto dagli anni '90, e il 'Notorius'.

 

Le 21 persone arrestate dai carabinieri della sezione di polizia Giudiziaria della Procura di Roma sono accusati di associazione per delinquere finalizzata all'illecita commercializzazione di cocaina, detenzione, spaccio, estorsione, minacce, porto clandestino e ricettazione di armi da sparo. Cinque sono stati arrestati in flagranza e 16 colpiti da ordinanza di custodia cautelare. Nel corso dell'attività investigativa sono stati sequestrati armi e droga. L'indagine ha riguardato il quartiere Parioli e il mondo notturno della ' Roma benè, in particolare due locali notturni nei pressi di via Veneto, all'interno dei quali uno degli indagati quotidianamente commercializzazione di cocaina.

Nell'operazione è coinvolta anche Gaia Mogherini, figlia del fratellastro di Federica Mogherini, alto rappresentante della Ue per gli affari esteri. La donna, 28 anni, è agli arresti domiciliari per cessione e acquisto di sostanza stupefacente. Gaia Mogherini già nell'ottobre del 2016 era stata arrestata per una vicenda simile. 

LEGGI ANCHE Sorpreso con 20mila dosi: arrestato il più grande spacciatore della Garbatella, ha 22 anni

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Rai, ok cda a Foa per la seconda volta Pd all'attacco: «Illegittimo»
Di Maio: «Reddito di cittadinanza agli italiani»
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Parnasi, il tesoriere del Pd indagato per fondi illeciti
Attendono troppo il medico e i pazienti sbottano: colpa di un negro