Cassazione: scattare foto di nascosto con il cellulare è reato

Scattare fotografie di nascosto con il cellulare, o riprendere in un video qualcuno senza il suo consenso, è un reato. L'ha stabilito la Corte di Cassazione, che ha confermato il sequestro del telefonino di un cinquantenne sorpreso a fotografare una donna in un centro commerciale di Palermo, senza il consenso della diretta interessata. L'uomo è stato indagato per molestie e il pm aveva chiesto e ottenuto appunto il sequestro del telefono, per accertare la presenza delle immagini all'interno dello smartphone.

Per la Cassazione, il reato di molestie è contestabile in caso di comportamenti «astrattamente idonei a suscitare nella persona direttamente offesa, ma anche nella gente, reazioni violente o moti di disgusto o di ribellione, che influiscono negativamente sul bene giuridico tutelato che è l'ordine pubblico». Per i giudici, nel caso di specie, c'è stata un'interferenza momentanea nella tranquillità del privato.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Nave Ong in attesa di un attracco Salvini: «Malta apra porti a Lifeline» La Valletta: «No. Non ci compete»
Vaccini, Salvini contro l'obbligo «Inutili 10, scuole aperte ai bimbi» No di Giulia Grillo
Dall’epatite al morbillo, la prevenzione è decisiva Anteprima sul Messaggero Digital
Morti lo chef Narducci e un'amica
Uccise la moglie a bastonate, ergastolo al dermatologo Cagnoni