Roma, crolla scala mobile nella metro: 24 feriti, tifosi Cska gravi. «Saltavano, poi il cedimento»

Cede la parte inferiore della scala mobile a Roma nella stazione della metro Repubblica della linea A: ci sono 24 feriti e almeno quattro sono gravi, in codice rosso. Tra di loro anche i tifosi del Cska Mosca che stavano raggiungendo lo stadio Olimpico per il match contro la Roma. E' accaduto verso le 19 in un orario di massimo affollamento: uno dei russi ha riportato l'amputazione di un piede.

LEGGI ANCHE Il predecente del 2003: una donna morì a Tiburtina
 
Terrore. Tantissimi anche i contusi nel fuggi fuggi innescato dall'incidente, con le scale della stazione risalite di corsa da persone in preda al panico che si sono scontrate con chi, ignaro, stava scendendo.

Incastrati. I passeggeri sono restati incastrati fra i gradini e gli ingranaggi della scala mobile i tifosi del Cska di Mosca nella fermata metro di piazza della Repubblica a Roma.

La ricostruzione. Secondo una prima ricostruzione, una delle tante comitive di tifosi del Cska Mosca stava scendendo verso i convogli della Linea A quando una delle due scale mobili parallele si è "scarrucolata" acquisendo una forte velocità mentre la parte inferiore usciva dagli alloggiamenti. In molti hanno riferito che i russi sulle scale mobili stavano saltando e ballando sui gradini mentre cantavano l'inno della squadra. Gli stessi supporter dl Cska hanno tuttavia negato di aver effettuato salti sui gradini in movimento.

"Risucchiati". Terribile la paura dei viaggiatori che si sono sentiti "risucchiati" verso il basso dal "nastro" dei gradini uscito dalle carrucole senza potere fare nulla per mettersi in salvo: qualcuno ha cercato di saltare sul divisorio e altri sono stati afferrati dai passeggeri sulla scala mobile parallela che stava ugualmente scendendo, ma a velocità normale. Che contrasto con l'allegria dei canti dei russi che pochi istanti prima si stavano "caricando" mentre raggiungevano lo stadio Olimpico

I soccorsi. Difficili soccorsi: i vigili del fuoco sono stati costretti a usare cesoie pneumatiche e divaricatori per estrarre i feriti dagli ingranaggi della scala mobile. Feriti "accatastati uno sull'altro" hanno riferito i pompieri impegnati in un salvataggio delicatissimo mentre il personale del 118 effettuava già le prime medicazioni nei pressi della scala mobile. Tanti i passeggeri in stato di choc.


Il boato. «Si è sentito un boato mentre veniva giù tutto - racconta un testimone - sotto choc - Non c'è stato tempo di mettersi in salvo».
 
In tanti, oltre alla centrale operativa dell'Atac, hanno dato l'allarme al 118 e al 115: in pochi minuti sono arrivate decine di ambulanze e due squadre dei vigili del fuoco, mentre all'esterno la stazione veniva isolata dalla polizia locale e dai carabinieri. 
 
L'inchiesta. La Procura di Roma ha già aperto un fascicolo di indagine: i magistrati ipotizzano il reato di lesioni e sono in attesa delle informative delle forze dell'ordine. Sono stati apposti i sigilli del sequestro a tutta la stazione.
Da parte sua l'Atac ha inoltre deciso di aprire un'indagine interna: decisivi i filmati delle telecamere di sorveglianza.
Il servizio sulla linea A è continuato senza naturalmente la sosta a Repubblica.

Scala "giovane". «La vita tecnica di una scala mobile dura circa 30 anni, quella di Repubblica è relativamente giovane, ha meno di dieci anni». È quanto spiegano fonti aziendali di Atac. «Alle revisioni e manutenzioni mensili delle scale mobili, ogni tre mesi si aggiunge anche un ulteriore ciclo di collaudi. Mese per mese, viene fatta una checklist di dispositivi di sicurezza da controllare, dalla velocità della scala mobile ai dispositivi di frenata, oltre alla pulizia e alla lubrificazione».

Il sindacalista.  «Io sono quasi 40 anni che lavoro nei trasporti pubblici di Roma e un incidente del genere non è mai accaduto. Non sappiamo come possa essere successo: una scala mobile gremita di persone che a un certo punto ha preso velocità. Aspettiamo che le verifiche ci dicano da cosa sia dipeso». Lo dice il segretario del sindacato Orsa Tpl Roma, Massimo Dionisi, lavoratore Atac.

I vigili del fuoco. «Di sicuro c'è stato un cedimento della scala mobile, ma sulle modalità ancora non possiamo dire nulla. È stato un incidente strano». Lo ha detto il comandante dei vigili del fuoco di Roma parlando con i cronisti.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Via all'assemblea nazionale del Pd, Renzi grande assente
Inceneritori, Salvini: «Con Di Maio troveremo l'accordo»
M5S, allarme sondaggi: Di Maio corre da Casaleggio
Manovra, Lega: 1000 euro per rottamare la vecchia auto
Tap, Di Battista chiede scusa: «Ho illuso i salentini, merito di essere messo al chiodo» Video