Roma, sassaiola sulla Pontina per rapinare gli automobilisti: denunciati quattro rom

Padre, figlio e due uomini di 34 e 35 anni, tutti ospiti del campo rom di Castel Romano. Erano loro che lanciavano i sassi contro le auto lungo la via Pontina per costringerle a fermarsi in un vicino distributore dove poi rapinavano gli automobilisti. I quattro responsabili, tutti residenti presso il campo nomadi, si appostavano di notte nella boscaglia poco prima del campo. L’ultimo episodio il 25 luglio scorso, ben sette automobilisti sono rimasti coinvolti, mettendo a rischio, con manovre di fortuna, la propria e l’altrui incolumità; oltre ai danni alle vetture, un automobilista è rimasto anche lievemente ferito.
 

Ad individuare e denunciare i componenti della banda, padre e figlio, ancora  minorenne, oltre ad altri due uomini di 34 e 35 anni, dopo una approfondita indagine compiuta in collaborazione dagli agenti della Polizia Di Stato del Distaccamento Polizia Stradale di Aprilia con quelli del commissariato Spinaceto. Per loro l’accusa è di tentato omicidio, attentato alla sicurezza dei trasporti, danneggiamento e lesioni personali aggravate.
Dodici le vittime finora accertate che potrebbero aumentare nel prosieguo delle indagini.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Governo appeso al voto europeo: oggi il test per i giallo-verdi
Cannes: la Palma d'oro a "Parasite", Banderas miglior attore. Italia a mani vuote
Laurea, il riscatto con lo sconto conviene a chi guadagna di più
Reddito di cittadinanza, 500 mila poveri fantasma
​Fca e Renault, FT: «Verso alleanza per un'ampia collaborazione»