Morte Lorenzo Parelli, scontri a Roma tra studenti e polizia. «Feriti due ragazzi»

Il giovane friulano è deceduto nel suo ultimo giorno di stage dell'alternanza scuola-lavoro

Scontri a Roma alla manifestazione per lo studente morto sul lavoro. «Feriti due ragazzi»
Centinaia di persone, per la maggior parte studenti, hanno gremito la piazza del Pantheon a Roma - presidiata dalle forze dell'ordine - dopo la morte di Lorenzo Parelli,...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

Centinaia di persone, per la maggior parte studenti, hanno gremito la piazza del Pantheon a Roma - presidiata dalle forze dell'ordine - dopo la morte di Lorenzo Parelli, lo studente friulano deceduto nel suo ultimo giorno di stage dell'alternanza scuola-lavoro. La manifestazione di protesta si è poi spostata davanti al ministero del'Istruzione. «Arrivati adesso sotto al Miur. Le responsabilità sono chiare, Ministro Bianchi devi prendere una posizione», si legge in un tweet di uno dei manifestanti.

«Il presidio davanti al Pantheon di centinaia di studenti per protestare dopo la morte del diciottenne Lorenzo Parelli è stato caricato pesantemente dalla polizia. Due studenti feriti pesantemente alla testa colpiti dai manganelli. È questa la risposta del governo Draghi a ragazze e ragazzi indignati per la morte di un coetaneo. Nostri militanti sono in piazza con gli studenti e ci hanno comunicato cosa sta accadendo. Auspichiamo che la protesta si allarghi perché non si può morire di scuola e lavoro. Va abolita la legge che ha istituito l'alternanza scuola lavoro e previsto che la formazione professionale si possa fare lavorando gratis nelle aziende. Condanniamo le cariche ingiustificate e chiediamo che sia garantito il diritto costituzionale a manifestare». Così Maurizio Acerbo, segretario nazionale Partito della Rifondazione Comunista- Sinistra Europea.

 

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Diretta Sassuolo-Milan 0-3: Kessie firma il terzo gol, ancora un assist per Leao (il terzo). Emiliani pericolosi con Frattesi
Diretta 0-0 Inter-Samp: finisce il primo tempo, l'assedio dei nerazzurri è caotico
Forlì, coniugi romani si uccidono: avevano un bunker in casa, temevano l'Apocalisse
Parigi: «Per Ucraina in Ue serviranno 15-20 anni» Mosca, ecco la grande offensiva sul Donbass Russia: no allo scambio tra gli Azov e l'oligarca
Putin distrugge le grandi città (come Mariupol) che non può conquistare: lo scenario della "guerra infinita"