Da Marra a De Vito, gli arresti che hanno scosso il Campidoglio

GUARDA IL VIDEO

Tre anni (quasi) di governo e altrettanti arresti eccellenti in Campidoglio. La consiliatura di Virginia Raggi al Comune di Roma torna a essere scandita dalle manette. Le prima a scattare furono quelle di Raffaele Marra, all'epoca capo del personale dell'amministrazione e braccio destro di Raggi. L'accusa: corruzione. Era il 16 dicembre 2016 nell'ambito dell'inchiesta sul costruttore Sergio Scarpellini. La seconda bufera giudiziaria che si è abbattuta sul Campidoglio è datata 14 giugno 2018. Tra gli arrestati per la stadio della Roma a Tor Di Valle c'è Luca Lanzalone, all'epoca mister Wolf di Raggi e presidente di Acea. Il terzo scossone è arrivato oggi. Ancora una volta c'è la corruzione di mezzo, ma per la prima volta a finire arrestato c'è un big del M5S: Marcello De Vito.

Stadio Roma, arrestato Marcello De Vito, presidente M5s dell'assemblea capitolina. Domiciliari per gli imprenditori Toti e Statuto

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
«Onore a Mussolini», striscione neofascista a Milano: identificati 19 ultras Lazio e 3 Inter
25 aprile, Mattarella: «Fu un secondo Risorgimento. No a riscritture Storia»
Siri, Conte: decido io, presto incontro Salvini: nessuno ci accosti alla mafia
De Vito, lettera dal carcere a Raggi: «Non mi dimetto, chiedo giustizia»
Musicista operata al cervello mentre suona il violino, intervento incredibile