Roma, blitz degli studenti ebrei sul Ponte Spizzichino dopo la provocazione antisemita

Questa notte i giovani del Movimento Culturale Studenti Ebrei hanno attaccato bandiere d’Israele e due striscioni con scritto: «la storia non si cancella» e «giù le mani da questo ponte» su Ponte Settimia Spizzichino dopo il blitz dei movimenti propal della scorsa notte. Inoltre per tutta Roma sono state attaccati manifesti di sostegno al Giro d’Italia partito da Gerusalemme. «Dopo la provocazione antisemita al ponte dedicato a Settimia Spizzichino, unica sopravvissuta donna alla deportazione del 16 ottobre 1943 - afferma in una nota il MCSE - era doveroso per noi, nipoti della Shoah scendere per le vie di Roma e attaccare dei manifesti che invocano alla pace per contrastare l’antisemitismo di ieri e di oggi. Non ci facciamo intimidire».  
 

LEGGI ANCHE: Giro d'Italia, blitz anti-israeliano sul ponte intitolato a Settimia Spizzichino: e spunta la bandiera palestinese

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Lazio, test a chi torna dalle vacanze Zingaretti: «Facciamoli a tutta Italia»
Conte: «Vaccino anti Covid? Non sarà obbligatorio» E sullo Stretto ipotesi tunnel sottomarino
Zona rossa, le famiglie delle vittime: «Via i segreti». I pm indagano sul ritardo
Virus, crescono i positivi (463) ma due morti: mai così pochi da febbraio
«Volevano diffondere il virus a Tenerife»: sgomberato maxi-raduno in spiaggia