Ciclista ucciso dal Tir a Roma, preso lo sciacallo che rubò il portafogli e prelevò con il bancomat

GUARDA IL VIDEO

Ciclista travolto e ucciso dal Tir in via Tiburtina, individuato e fermato il responsabile del furto avvenuto ai danni della vittima: lo sciacallo aveva rubato il portafogli del ciclista e con la carta bancomat aveva effettuato dei prelievi. La moglie della vittima, sdegnata dall'accaduto, aveva subito detto: «Non lo perdonerò mai». Il responsabile di quel furto del portafoglio del ciclista è stato Individuato: si tratta di un 50enne di nazionalità italiana. L'uomo è stato fermato a Guidonia dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale.

Roma, prelevano con il bancomat del ciclista morto: inchiodati dalle videocamere della banca

Lo sciacallo della Tiburtina come quelli dei terremoti
 

La sua identificazione è arrivata al termine di una complessa attività di indagine, tramite la visione di oltre venti telecamere di tutta la zona intorno alla banca in cui sono stati effettuati i prelievi. L'uomo al momento si trova presso gli uffici del IV Gruppo Tiburtino per ulteriori accertamenti e le procedure di rito.

«Voglio complimentarmi con gli agenti del IV Gruppo Tiburtino - ha detto il comandante della polizia Roma Capitale, Antonio Di Maggio -, perchè non è stato facile risalire alla persona che ha compiuto questo furto. Un gesto ignobile, viste le circostanze in cui è avvenuto, pochi minuti dopo un tragico incidente, e che qualifica l'uomo che abbiamo identificato. Mi congratulo anche alla luce della complessità dell'indagine svolta, perchè solo l'elevata professionalità che gli operatori hanno dimostrato ha permesso di individuare il responsabile e fare giustizia su un fatto così grave»

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Cucchi, 12 anni a due carabinieri
Mittal lascia Taranto, il 15 gennaio stop all'ultimo altoforno. Lite sui pagamenti all'indotto
Venezia, Conte: «Stato di emergenza stanziati 20 milioni»
Los Angeles, spara in un liceo: uccide uno studente, ne ferisce cinque, poi si toglie la vita
Farmaci economici ostacolati, dirigenti Aifa indagati: danno al Ssn per 200 milioni