Luca Traini in carcere si ravvede e fa amicizia con i detenuti di colore

«All’inizio della detenzione non voleva incrociare nessun detenuto di colore, oggi racconta di due di loro: “Uno assomiglia a mio fratello, l’altro è un simpaticone”». Nella perizia su Luca Traini richiesta dal Tribunale, lo psichiatra Massimo Picozzi descrive i cambiamenti del tolentinate che il 3 febbraio, a Macerata, in un folle raid razzista, aveva sparato a sei persone di colore per vendicare la morte di Pamela Mastropietro. È una vera e propria conversione quella registrata dal perito nel corso dei tre colloqui avvenuti in carcere il 12, il 13 e il 16 giugno. Traini, che per Picozzi «presenta tratti disarmonici di personalità che non si traducono in un quadro patologico capace di incidere sulla capacità di intendere e volere» nel raccontarsi si è messo a nudo, ha parlato del passato, dei suoi turbamenti presenti e del sogno di sposarsi e avere un figlio, anzi una bimba.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Manovra, scontro in maggioranza. Italia viva: «Stop a Quota 100» Vertice a Palazzo Chigi
Polonia, exit poll: maggioranza assoluta per i sovranisti di Kaczynski
Raggi sogna il bis con il sì di Beppe Grillo. Allarme del Pd: evitiamo autogol
Abolito l'Alto Adige, resta la parola Sudtirolo. Boccia minaccia di impugnare la legge
Comuni a rischio paralisi: la metà è senza segretario