Il Papa convoca a febbraio tutti i presidenti delle conferenze episcopali per parlare di abusi

Città del Vaticano – La bufera sollevata dal memoriale dell’ex nunzio Viganò ha indotto Papa Francesco a fare una mossa inedita: convocare per febbraio prossimo tutti i presidenti delle conferenze episcopali del mondo per affrontare ancora una volta il tema della pedofilia e degli abusi nella Chiesa. Una decisione forte per sanare una piaga ancora aperta. La decisione del Papa è arrivata dopo avere sentito il Consiglio di cardinali che fanno parte del C9, il gruppo di porporati cui è stato affidato il compito di riforma della Curia.

Domani, invece, si terrà l’incontro con i vertici dell’episcopato Usa. In particolare il Papa incontrerà il cardinale Daniel DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston e presidente dei vescovi Usa, il cardinale Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston e presidente della Pontificia Commissione per la tutela dei minori, monsignor José Horacio Gomez arcivescovo di Los Angeles, vicepresidente dell’episcopato e il segretario generale monsignor Brian Bransfield.
 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Inceneritori, nuovo scontro Lega-M5S Di Maio e Fico: «Non sono previsti» ​Salvini: «La realtà cambia»
Maturità, cambia anche l'orale: c’è l’esame di educazione civica
Gilet Gialli, Francia nel caos: un morto e 227 feriti Scontri all'Eliseo
Donna aggredita con l'acido e accoltellata in un ristorante: è grave
Terremoto, forte scossa sulle Dolomiti: paura a Cortina e Belluno