Totoministri governo Meloni: Salvini (che vuole gli Interni) tra il Lavoro e lo Sviluppo Economico. Moratti o Ronzulli alla Salute

Crosetto potrebbe andare agli Esteri, Tajani alla difesa. Resta in campo l'ipotesi dei due vicepremier

Totoministri governo Meloni: Salvini (che vuole gli Interni) tra il Lavoro o lo Sviluppo Economico. Moratti o Ronzulli alla Salute
Matteo Salvini agli Interni o al Lavoro? Antonio Tajani vicepremier e Guido Crosetto agli Esteri? Giorgia Meloni non parla ma riflette. La leader di Fratelli d'Italia ha...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Matteo Salvini agli Interni o al Lavoro? Antonio Tajani vicepremier e Guido Crosetto agli Esteri? Giorgia Meloni non parla ma riflette. La leader di Fratelli d'Italia ha ridotto gli interventi pubblici al minimo dopo il trionfo alle urne, ma nel silenzio le manovre sono incessanti per arrivare alle consultazioni col Presidente della Repubblica avendo in mano «una squadra di governo di alto livello». Bisogna però fare i conti con le pretese degli alleati.

 

Totoministri, Camere e i vicepremier

Il 13 ottobre è convocata la prima riunione del nuovo parlamento e tra i primi compiti ci sarà l'elezione dei due presidenti delle camere. Sempre più improbabile l'ipotesi di concederne una all'opposizione, la strada più semplice è assegnarne una alla Lega e l'altra a Forza Italia, così che poi Meloni possa avere mano più libera per i ministeri: in questo caso per la Camera sarebbe una delle ipotesi in campo per Antonio Tajani, al netto di altre soluzioni, mentre il seggio più alto del Senato andrebbe a Roberto Calderoli.

Giorgia Meloni, tuta e cappellino in testa: stile da premier tra istituzionale e pop

Un'altra strategia per alleggerire il pressing di azzurri e leghisti sui ministeri chiave potrebbe essere quella di offrire la posizione di vicepremier ad Antonio Tajani e Matteo Salvini, in combinazione con un ministero di peso. Questa ipotesi però non scalda nessuno dei due interessati, in particolare il segretario della Lega, che ha ben chiaro il suo obiettivo.

 

 

La partita del Viminale

La discussione è aperta su tutto, ma la casella chiave attorno a cui si gioca il grosso della partita è il ministero dell'Interno, che Salvini sembrava aver “prenotato” per sé fin dalla campagna elettorale. Anche dopo il deludente risultato delle urne il leader del Carroccio insiste, con l'intenzione di tornare lì dove aveva lanciato i decreti sicurezza. La Meloni preferirebbe evitare, anche per non crere tensioni con Mattarella che non vedrebbe di buon occhio il ritorno di un Salvini ancora sotto processo per il caso Open Arms. Il possibile compromesso potrebbe essere dare un altro ministero (più la posizione di vicepremier) a Salvini, lasciando il Viminale in quota Lega. Optando per un politico, prende forza il nome di Nicola Molteni, già sottosegretario all'interno proprio con Salvini e di nuovo durante il governo Draghi. Se invece si andasse sul tecnico resta in gioco Matteo Piantedosi, ex capo di gabinetto del segretario leghista durante il Conte I. Per Salvini a quel punto si aprirebbero le porte del Lavoro, da cui potrebbe promuovere quota 41 e l'abolizione della legge Fornero, o dello Sviluppo Economico, attualmente occupato da Giorgetti.

 

Giorgia Meloni: «Dopo il fallimento di Speranza & Co, stiamo lavorando a una squadra di livello»

 

La Sanità e gli altri ministeri chiave

Per sostituire il criticatissimo Roberto Speranza alla Salute si pensa a Letizia Moratti, ma la forzista punterebbe più ad essere la candidata di centrodestra alla regione Lombardia al posto di Fontana. In alternativa c'è Licia Ronzulli. Per la Difesa è forte il nome del presidente del Copasir Adolfo Urso; in alternativa Tajani. Per il cofondatore di FdI, Guido Crosetto, le poltrone papabili sono gli Esteri, per cui è in corsa anche la direttrice dei servizi segreti Elisabetta Belloni, e quella di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Per la Giustizia in super pole position il giurista eletto con Fratelli d'Italia Carlo Nordio, mentre la leghista Giulia Bongiorno sarebbe dirottata alla Pubblica Amministrazione.

 

Giorgetti non sarà ministro, arriva il passo indietro. La delusione per un anno in solitudine

 

Molto delicato anche il ministero dell'Economia, uno di quelli insieme a Interni, Difesa ed Esteri che dovranno avere l'appoggio incondizionato di Mattarella. A Meloni non dispiacerebbe, anche per facilitare la manovra da varare entro fine anno, tenere lì l'attuale ministro Daniele Franco, che però avrebbe declinato l'offerta. Rimane in campo Domenico Siniscalco, già ministro e direttore generale del Tesoro con Berlusconi. L'economista Fabio Panetta, nome tecnico graditissimo da FdI, non sarebbe disposto a rinunciare al probabile ruolo di governatore della Banca d'Italia per entrare nel Governo. Smentita invece da fonti di centrodestra la possibilità di “spacchettare” il ministero in Economia e Tesoro.

 

Gli altri

Per il ministero delle Infrastrutture circolano i nomi di Edoardo Rixi (Lega), ma anche di Rampelli (FdI) e del forzista Alessandro Cattaneo, oltre ad essere una delle papabili destinazioni di Matteo Salvini. Sembrano invece ben avviati verso gli Affari Europei il meloniano Raffaele Fitto e verso i Rapporti col Parlamento Maurizio Lupi di Noi Moderati. Per la scuola ci sono Anna Maria Bernini oppure Mattia Ricolfi della Lega.

 

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Meloni minacciata sui social: «Se togli il reddito ammazzo te e tua figlia» Identificato l'autore
«Assegno unico per tutti, non sarà legato all’Isee», Roccella (Famiglia): vogliamo premiare chi ha 4 figli
Alessia Sbal travolta e uccisa sul Gra a Roma il mistero delle 3 chiamate al 112 prima di morire La madre: cerchiamo testimoni
Nordio: «Intercettazioni, troppi abusi. Carriere separate e arresti decisi da un collegio di giudici»
Scuola, Natale con l’extra per i professori: in arrivo un assegno di 2.450 euro