Elezioni, a Genova presidente con i sintomi del Covid: chiusa la sezione

GUARDA IL VIDEO

Giornata di elezioni regionali 2020 e referendum, tra curiosità e qualche intoppo. Come a Genova, dove un seggio elettorale è stato chiuso perché il presidente è stato male nella notte, con febbre alta e sintomi riconducibili al Covid. Si tratta di un seggio nel popolare quartiere di Oregina, il numero 323. Il presidente è stato sottoposto a esami nella notte è stamani al suo posto c'era regolarmente un sostituto. 
Il seggio è stato aperto ma successivamente chiuso per precauzione, in attesa del risultato del tampone del presidente e degli scrutatori che, ieri, erano stati a contatto con lui. Problemi anche a Roma, dove si è registrata la rinuncia di 760 presidenti. «Ringrazio di cuore tutti i dipendenti capitolini, l'ufficio elettorale, gli agenti della Polizia Locale e tutti coloro che stanno consentendo lo svolgimento delle operazioni di voto in una situazione particolarmente complessa e certamente fuori dall'ordinario», dichiara l'assessore al Personale del Comune di Roma Antonio De Santis.

Elezioni, l’Italia torna al voto: una sfida al Covid e al rischio astensione

Elezioni, è fuga dai seggi: appelli social per scrutatori e presidenti

Elezioni Roma, mille autisti Atac ai seggi: saltano corse e controlli

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Piano per il lockdown morbido Ipotesi nuova stretta dal 9 novembre
Italia nello scenario 3: dai trasporti alla didattica a distanza, cosa prevede
Francia chiusa per un mese, stop a bar e ristoranti ma non alle scuole
Dl Ristori, ok di Mattarella: gli aiuti categoria per categoria Codici Ateco Sport Spettacoli
Ospedali a rischio collasso in Piemonte, Liguria, Umbria