Conte esclude appoggio esterno, Draghi a Mattarella: governo va avanti. Tensioni nella maggioranza

Draghi vede Mattarella, vertice sugli impegni internazionali
Mario Draghi ha incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: vertice sugli impegni internazionali.Un incontro «normale», viene riferito, dopo gli...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 79,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Mario Draghi ha incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: vertice sugli impegni internazionali.Un incontro «normale», viene riferito, dopo gli appuntamenti internazionali cui ha partecipato il premier e in un momento di guerra. Il premier avrebbe confermato al presidente Sergio Mattarella l'impegno ad andare avanti con il governo. Secondo quanto si è appreso, nell'incontro di ieri al Quirinale Giuseppe Conte ha escluso l'uscita del Movimento Cinque Stelle dal governo per passare a un appoggio esterno.

La "miccia" dell'incidente parlamentare

L'incidente con il premier Mario Draghi per Giuseppe Conte non si è chiuso con la smentita di Palazzo Chigi delle parole che Beppe Grillo avrebbe affidato a Domenico De Masi. Si attende un chiarimento, anche se tra i due l'appuntamento non c'è ancora: con molta probabilità verrà fissato nella giornata di oggi. Ma benché ministri e sottosegretari grillini assicurino a taccuini aperti e telecamere accese che non c'è volontà alcuna di abbandonare la nave del governo, i vertici 5 Stelle, forte il pressing dei parlamentari e della base, accarezzano l'idea di fare un passo indietro, o meglio di lato, assicurando l'appoggio esterno ma di fatto sfilandosi dall'esecutivo.

La miccia per dare il "benservito", ammesso che alla fine si arrivi a questo, non saranno le parole potenzialmente incendiarie attribuite al garante e fondatore del M5S - con suo grande rammarico, «sono stato strumentalizzato», si è lamentato coi suoi -, perché è vivo il timore che venga letto come «un fatto personale, mentre si è trattato di un attacco durissimo a una forza politica, una questione di democrazia», il ragionamento che rimbalza nei vertici pentastellati, dove la smentita di Palazzo Chigi non ha colto nel segno: «È tardiva, impossibile prenderla per buona».  Bensì un incidente parlamentare che faccia percepire il malessere del M5S, «perché la voglia di metterci fuori dal governo è evidente», la convinzione che accomuna vertici e truppe parlamentari. Da oggi, è dunque il diktat, al governo il M5S sarà ancor più intransigente nel difendere le sue battaglie, in quella che appare come una sorta di attesa di un "casus belli" per voltare le spalle a Draghi e al suo governo.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Addio a Olivia Newton-John, la star di Grease Aveva 73 anni e da 30 lottava contro il cancro
L'addio di John Travolta: «Ti ho amato tanto, sarò sempre il tuo Danny. Hai reso le nostre vite migliori»
Sfida Meloni, corsa da premier: «Perché io no?» Salvini frena sui ministeri: nomi dopo le elezioni
Gas, prezzi choc. «Più di metà dei costi che paghiamo in bolletta dovuti alla speculazione»
Da Nilde Iotti a Daniela Santanché: tutti i tentativi di premiership al femminile prima di Giorgia Meloni