Autonomia, muro grillino. La Lega: «Nemmeno un centesimo in meno al Sud»

Autonomia, nulla di fatto dopo il vertice di tre ore a Palazzo Chigi: il testo non approderà domani in Cdm. Il premier Giuseppe Conte e i due vice, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, si riaggiorneranno in una nuova riunione sul tema mercoledì della prossima settimana. «Sull'Autonomia 5 stelle fanno muro e si nascondo dietro ai burocrati. Ennesima riunione a vuoto». Lo rendono noto fonti della Lega. «I 5 stelle chiedono tempo e chiedono un incontro il prossimo mercoledì. Nessun nodo risolto. Bloccano qualsiasi iniziativa», accusano dalla Lega.

Salvini rilancia i mini-Bot, lite con i 5 stelle sulla flat tax

Manovra e lavoro, Salvini sfida M5S

Sono della Lega e del vicepremier Salvini le prime dichiarazioni che filtrano dal vertice in corso a Palazzo Chigi: «Nemmeno un centesimo in meno alle regioni del Sud ma meno burocrazia, più efficienza. Dobbiamo superare la resistenza di qualche burocrate di Stato». Questa a quanto si apprende la posizione della Lega sul tema delle autonomie rafforzate, emersa a Palazzo Chigi durante il vertice, tuttora in corso. Al tavolo il premier Giuseppe Conte, il vice Luigi Di Maio, la ministra per gli affari regionali Erika Stefani, il viceministro all'economia Massimo Garavaglia, il ministro per i rapporti con il parlamento Riccardo Fraccaro e il sottosegretario agli affari regionali, Stefano Buffagni.
 
«L'Autonomia è nel contratto e si farà. Le riunioni servono per far condividere le cose. Quando si governa in due le cose si fanno in due. Quindi nessun blocco». Lo affermano fonti M5S, replicando alle accuse della Lega.

Sull'Autonomia «c'è ancora qualche discussione a livello di qualche burocrazia ministeriale: a Roma è piena di burocrati che piuttosto di cedere una matita o un pennarello dicono 'no no no'. Lavori in corso». Lo dice Matteo Salvini in un'intervista in diretta a Cartabianca, mentre procede il vertice a Palazzo Chigi.

Salvini: «Sull'Autonomia lavori in corso». «Lavori in corso. C'è ancora qualche discussione a livello di burocrazie ministeriali, noi siamo pronti». Così il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, ospite di 'Cartabianca', a proposito del vertice di maggioranza in corso sull'autonomia. Salvini non si è comunque sbilanciato circa la possibilità che il provvedimento arrivi domani in Consiglio dei ministri. «Bisogna fare le cose per bene, noi siamo pronti», si è limitato a rispondere.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Lara Comi arrestata per tangenti, l'ex eurodeputata FI intercettata: «Dirò che non ho preso 17 mila euro»
Venezia, Spitz commissario Mose Conte: «Subito stato d'emergenza»
Impiegato dell'aeronautica uccide la moglie e la figlia e si spara: choc a Orvieto
Crescita, Roma svuotata dal monopolio di Milano
Ex Ilva, Cdm rinviato. M5S ora apre sullo scudo: ma solo se Arcelor tratta