Paola Iezzi a Milano moda: «Per una serata sexy adoro l'intimo di pizzo»

Vi ricordate il suo esordio con la sorella nel 1997 a Sanremo? Con Amici come prima il duo Paola (la bruna) e Chiara (la bionda) stazionò per settimane ai vertici delle classifiche italiane. Da allora sono passati 21 anni. E ormai da cinque le strade delle sisters si sono divise. Paola Iezzi, cantautrice e DJ, è diventata un’icona fashion con oltre 45 mila follower su Instagram che passa da un look iper sensuale a un outfit street casual con assoluta disinvoltura. «Mi piace giocare con l’immagine e cambiare stile a seconda dell’occasione e del mood, ma non mi vedrete mai con una mini gonna», ci racconta. La incontriamo a Milano in occasione della presentazione delle nuove clutch bag di Michele Chiocciolini, il fashion designer fiorentino richiesto dalle celeb nostrane (da Paola Barale a Nina Zilli, fino ad Alessia Marcuzzi) da quando nel 2013 ha vinto il talent Fashion Style.
 
Chiederle che rapporto abbia con le borse potrà sembrare una domanda scontata, ma inevitabile. In compenso è meno prevedibile la risposta. «Non sono appassionata di borse da giorno, un po’ per gusto, un po’ per pigrizia. Alla fine uso sempre lo stesso zaino per mesi, fino a che non lo distruggo, perché detesto travasare le cose. In compenso, mi piacciono le borse da sera, e in particolare le clutch bag» ci dice Paola Iezzi, fidanzata ormai da 12 anni con il fotografo Paolo Santambragio. Che ha conosciuto… su MySpace.
E che seduce con «un intimo di pizzo, tulle o seta, rigorosamente nero».
 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il ministro degli Esteri Moavero: «Migranti, l'Ue rischia la fine» L'anteprima sul Messaggero Digital
Migranti, nuovo scontro con Parigi Macron: «In Italia nessuna crisi» Salvini: «Arrogante, apra i porti»
Guardia costiera italiana alle Ong davanti alla Libia: «Non chiamateci» Cargo con migranti vicino Pozzallo
Lo chef Narducci e l'amica uccisi a Roma, la polizia cerca testimoni
Roma, un morto ogni due giorni sulle strade della vergogna